Home / Nutrizione / Troppo sale fa male: secondo uno studio il consumo eccessivo causa 1,65 milioni di morti l’anno per disturbi cardiovascolari

Troppo sale fa male: secondo uno studio il consumo eccessivo causa 1,65 milioni di morti l’anno per disturbi cardiovascolari

Sale e adolescenti sodio 168765662
Consumare troppo sale può avere gravi effetti sulla pressione arteriosa

L’eccessivo consumo di sale è la causa di 1,65 milioni di morti per disturbi cardiovascolari ogni anno, un decimo del totale dei decessi per questo motivo, secondo uno studio pubblicato dal New Englad Journal of Medicine, che ha preso in considerazione la dieta e i decessi per motivi cardiocircolatori in 187 paesi.

 

Secondo lo studio, condotto negli Stati Uniti e finanziato dalla Bill and Melinda Gates Foundation, nel 2010 il consumo medio giornaliero di sodio è risultato pari a 3,95 grammi (corrispondenti a circa 10 grammi di sale), quasi il doppio rispetto ai due grammi raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità, con gravi effetti sulla pressione arteriosa.

 

troppo sale 83066168
L’84,3% per di questi decessi si registra in paesi a reddito medio-basso

Le morti per causa cardiovascolari attribuibili all’eccessivo consumo di sale riguardano gli uomini nel 61,9% dei casi e le donne nel 38,1%. L’84,3% per di questi decessi si registra in paesi a reddito medio-basso e nel 40,4% dei casi si tratta di morti premature, cioè prima del raggiungimento dei 70 anni di età.

Il paese in cui il consumo di sale incide maggiormente sulle morti per cause cardiovascolari è la Georgia, con 1.967 decessi ogni milione di adulti, mentre l’incidenza minore si registra in Kenia, con quattro morti ogni milione di adulti l’anno.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

lidl cucchiaino zucchero

Lidl lancia il cucchiaino che riduce lo zucchero del 20%. Gli impegni della catena di discount per un’alimentazione più sana

Per aiutare i clienti a diminuire il consumo quotidiano di zucchero, Lidl ha escogitato un …

Un commento

  1. Avatar

    Su La Stampa ho letto pochi minuti fa, un’altro articolo che mi ha fatto sorridere e cita testualmente:
    “Secondo un nuovo studio il sale nella dieta non avrebbe un’influenza statisticamente significante sulla pressione arteriosa, facendo nascere dei dubbi circa la maggiore pericolosità derivante dall’uso di questo condimento”..
    mhaa!!! Ecco il link: http://www.lastampa.it/2014/09/10/scienza/benessere/alimentazione/sale-nella-dieta-e-pressione-alta-forse-centra-poco-nFztaJ3Z1CnxPZhHDGRApL/pagina.html