Home / Archivio dei Tag: PUBBLICITA (pagina 9)

Archivio dei Tag: PUBBLICITA

La Disney dice basta alla pubblicità del cibo spazzatura. Topolino in USA promuoverà solo alimenti sani per i bambini

La Walt Disney americana ha deciso di eliminare gli spot del cibo spazzatura dai propri canali televisivi, dalle stazioni radio e dai siti web. Il divieto viene incontro alla richieste di genitori e nutrizionisti che chiedono la promozione di cibi salutari e la diffusione di abitudini alimentari più sane per bambini e ragazzi.   Queste scelte per la Walt Disney …

Continua »

Red Bull, bibita per adulti, usa disegni per bambini nella pubblicità di un evento all`Idroscalo di Milano (Flugtag). Ingenuità o furberia?

Red Bull, per promuovere un evento che si terrà all’Idroscalo di Milano, Flugtag, ha tappezzato alcune fermate della metropolitana con decine di manifesti e striscioni lunghi 5-6 metri. L’occasione è divertente perché si tratta di un gioco dove si vola per qualche metro e poi si finisce in acqua. Lascia perplessi la scelta di utilizzare per la campagna pubblicitaria disegni …

Continua »

Findus: i prodotti francesi dicono addio a coloranti, conservanti e olio di palma, e l`azienda fa pubblicità

La Findus in Francia ha realizzato una campagna pubblicitaria (dal mese di dicembre 2011 al febbraio 2012) dove evidenzia con una certa enfasi l’assenza di: coloranti, conservanti e olio di palma nei prodotti surgelati in assortimento. Tra i piatti più conosciuti troviamo: lasagne, crocchette di patate, filetti di pesce impanati, pasticcio di spinaci…    La pubblicità conclude con la frase …

Continua »

Pubblicità contro la dignità femminile, il Giurì censura Disaronno, Fabbri e Co.Se.Me

Il Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria ha censurato 3 messaggi firmati da Disaronno liquore, Amarena Fabbri e Co.Se.Me, perché ledono la dignità della donna e mercificano il corpo femminile. Purtroppo spesso non siamo di fronte a errori casuali ma a scelte precise fatte per promuovere prodotti alimentari. A volte si raggiungono livelli offensivi e cattivo gusto difficili da …

Continua »

Bibite gassate: Coca Cola & C. bombardano di spot i teenager ma lo negano. La nuova frontiera della persuasione sono i social network

Sono i numeri a smascherare i produttori americani e le multinazionali di bevande gassate e zuccherate che negli ultimi anni hanno cercato di fare varie operazioni di green washing salutistico. In particolare, quando sostengono di impegnarsi nella tutela della salute dei più indifesi, bambini e adolescenti, e di avere perciò diminuito pubblicità e campagne dirette ai più piccoli. Tutte bugie: …

Continua »

Coca-Cola censurata dal Giurì. L’articolo con l’intervista a Lorella Cuccarini è pubblicità mascherata

Coca-Cola

La Coca-Cola è stata censurata dal Giurì della pubblicità. La condanna è di pochi giorni fa e riguarda un finto articolo apparso nel mese di giugno sulla rivista “Donna moderna”. Il messaggio si presentava come un’intervista a Lorella Cuccarini su due pagine intitolato “L’idea vincente – Le sorprese intorno alla tavola di Lorella Cuccarini”. Oltre al racconto di una cena …

Continua »

Il “croissant anti-invecchiamento” presentato da Cucina Wellness usa ingredienti di qualità ma fa promesse da marinaio

Croissant

Dal 2 ottobre inzuppare il cornetto nel cappuccino si può considerare il primo gesto di benessere per cominciare la giornata bene. È stato presentato al Festival della Salute di Viareggio il nuovo “croissant anti-invecchiamento”, elaborato da uno chef di fama. Per la scelta degli ingredienti è successo come nelle fiabe, hanno vinto i “buoni”: antiossidanti, fibre, vitamine, contro i “cattivi”: …

Continua »

La Francia vuole tassare le bibite come è stato fatto in Danimarca e Ungheria. Luci e ombre di un provvedimento inutile

zucchero bibite soda tax

“La Francia tassa la Coca–Cola”, “La tassa sulle bibite decisa dal governo francese è un’ipocrisia”,  sono questi alcuni titoli apparsi sui giornali per commentare l’intenzione del governo  Sarkozy di tassare le bibite zuccherate. Premesso che la nuova tassa inciderà pochissimo sulle tasche dei consumatori e dei  produttori (si dice 1 centesimo di euro a bottiglia), questo vuol dire che  l’accusa …

Continua »

Basta spot di cibo spazzatura nei programmi tv per bambini: i pediatri americani chiedono leggi ad hoc

È ora di dire basta. Basta con le pubblicità di cibo spazzatura dirette ai bambini e inserite a tutte le ore come farciture più o meno occulte in mezzo ai programmi, ai siti e ai videogame che i bambini amano di più. Si devono muovere il Congresso e la Federal Trade Commission, adottando specifiche leggi, perché tutti gli appelli e …

Continua »

Brodo Knorr e cereali Kellogg’s sono le pubblicità “nascoste” di “Un medico in famiglia”. La Rai apre al product placement

bambini televisione film Boy watching TV at night

In alcune puntate della fiction Rai “Un medico in famiglia “l’obiettivo della  telecamera si è soffermato a lungo sul cuore di brodo Knorr e sui cereali Kellogg’s. Qualcuno ha subito pensato ad un caso di pubblicità occulta, come è già successo in passato, ma non è così. L’inquadratura del prodotto è una nuova forma di pubblicità che gli addetti ai …

Continua »

Il ministero di Mara Carfagna si attiva contro la pubblicità che viola la dignità femminile, ma sbaglia il metodo

Basta con la pubblicità che offende la dignità della donna! Sull’onda di questo slogan, il ministero delle Pari Opportunità ha stipulato un accordo con l’Istituto di autodisciplina pubblicitaria per contrastare l’uso offensivo dell’immagine femminile. Per raggiungere lo scopo, il ministro Mara Carfagna si è impegnato a denunciare le pubblicità ritenute violente o lesive della dignità, mentre  l’Istituto ha promesso di …

Continua »

La pubblicità degli alimenti è tra i responsabili dell’obesità infantile? Il dibattito europeo

obesita infantile bambino obeso

EurActiv.com, il più importante portale dedicato alle questioni europee (vedi sito), fa il punto su una questione molto discussa: la pubblicità di alimenti è responsabile dell’obesità infantile? È stata data la parola a Will Gilroy , direttore della comunicazione della World Federation of Advertisers (Wfa), la federazione internazionale delle associazioni di investitori in pubblicità, e a Ruth Veale, del Settore salute …

Continua »

Volgarità e cibo, censurata la pubblicità di Sisley e di un`azienda vinicola

Il sesso, la volgarità, il cibo e le donne sono gli ingredienti usati per fare  pubblicità dalle aziende prive di idee che vogliono catturare l’attenzione del pubblico. Queste imprese focalizzano l’attenzione su un fondo schiena femminile o su una scena a sfondo sessuale  pur di colpire l’immaginazione dei consumatori. Il primo messaggio  sul banco degli imputati  è firmato dalla linea …

Continua »

USA: Baby carrots usa fantasia, ironia e molta aggressività per pubblicizzare le carote da sgranocchiare

Sono  davvero curiosi  gli  spot scelti da “Baby carrots” per   pubblicizzare i sacchetti di carote pronte da mangiare.  Per catturare l’attenzione dei più giovani i produttori si osno ispirati  ad alcuni modelli televisivi proposti dal cibo spazzatura. Ecco allora che nello spot le  carotine  diventano proiettili in un finto gioco di guerra. Per  riuscire a convnicere  gli adulti  è stato …

Continua »

Zaia promuove il fast-food e assegna il sigillo del Ministero a McDonald`s

Con una fetta di formaggio DOP e una di speck IGP McDonald’s ha acquisito l’imprimatur del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Per festeggiare la new entry nella cultura gastronomica italiana è sceso in campo il ministro Zaia in persona. Adesso da zio Mac si può mangiare il nuovo panino made in italy con il sigillo del Ministero. La …

Continua »