Home / Nutrizione / I ragazzi obesi sono i più vulnerabili agli spot di junk food e i bambini italiani i più martellati

I ragazzi obesi sono i più vulnerabili agli spot di junk food e i bambini italiani i più martellati

La pubblicità del cibo spazzatura è da tempo nel mirino di chi cerca di individuare le cause primarie dell’aumento di obesità tra bambini e ragazzi. Un nuovo, recente studio sostiene chi ritiene gli spot la causa maggiore dei danni e ne chiede, se non proprio il divieto, almeno una severa limitazione.

 

I ricercatori dell’Università del Missouri e del Medical Center dell’Università del Kansas (USA) hanno dimostrato che la pubblicità fa più danni a chi ne avrebbe meno bisogno: i ragazzi obesi.

Per realizzare lo studio sono stati reclutati dieci ragazzi obesi e dieci normopeso, di età compresa tra i 10 e i 14 anni, ai quali hanno fatto vedere 60 loghi di junk food e 60 loghi di prodotti non alimentari, registrando contemporaneamente la loro attività cerebrale tramite risonanza magnetica funzionale.

 

Si è così visto che nei ragazzi obesi si attivano maggiormente le aree della ricompensa, implicate nei fenomeni di dipendenza alimentare e non, mentre nei soggetti normopeso si accendono le aree cerebrali collegate all’autocontrollo.

 

Le diverse attivazioni sembrano dimostrare che i giovani obesi siano molto più vulnerabili al martellamento delle pubblicità alimentari, e che reagiscano aumentando il consumo di cibi ricchi di zuccheri e grassi.

Amanda Bruce, la coordinatrice del lavoro studio pubblicato sul Journal of Pediatrics, ha sottolineato che per aiutare questi ragazzi a perdere peso bisognerebbe rinforzare il loro autocontrollo, anche con terapie cognitivo-comportamentali.

 

Lo studio segue quello realizzato nel 2011 dalla ricercatrice inglese Emma Boyland, in forza presso l’Università di Liverpool, che ha analizzato le reazioni dei bambini dai 6 ai 13 anni alla visione di spot televisivi sui cibi, trasmessi all’interno di un cartone animato.

 

I risultati sono stati inquietanti: i bambini abituati a guardare spesso la televisione sono più esposti al rischio di sviluppare cattive abitudini alimentari (consumare meno frutta e verdura e più junk food), poiché sono più propensi a chiedere i prodotti reclamizzati, piuttosto che frutta e verdura raramente oggetto di comunicazione pubblicitaria (è superfluo ricordare quanto sia esagerata la presenza di snack, dolciumi e merendine nella programmazione televisiva).

 

Secondo il Physicians Committee for Responsible Medicine, un comitato di esperti che si batte per imporre limiti severi alle pubblicità alimentari, bambini e ragazzi statunitensi sono esposti a 7.600 spot ogni anno, quasi nessuno dei quali riguarda frutta e verdura.

Inoltre le aziende spendono circa 10 miliardi di dollari ogni 12 mesi, per finanziare le pubblicità rivolte ai più giovani con spot che, nel 98% dei casi, riguardano alimenti ricchi di zuccheri e grassi.

 

In base alla ricerca “In bocca al lupo”, commissionata da Coop qualche anno fa all’Osservatorio di Pavia e all’Università di Roma Tre, focalizzando l’attenzione sulla fascia protetta, in Italia un quinto della pubblicità televisiva è rivolta ai minori, con una presenza massiccia nei canali con target spiccatamente giovane.

 

In Italia durante i programmi televisivi per i più piccoli si raggiunge il poco invidiabile record europeo di 250 ore annue di comunicati pubblicitari; e con una media di tre ore diarie passate davanti al piccolo schermo, un bambino può vedere fino a 90 spot alimentari al giorno. Si tratta di una pubblicità di cibi ogni cinque minuti, a differenza dei coetanei europei che ne vedono una ogni dieci minuti.

 

Agnese Codignola

Foto: Photos.com

 

Avatar

Guarda qui

Raw meat beef steak on black top view.

Dietro lo studio a favore della carne rossa spuntano legami con la lobby alimentare. La scoperta del New York Times

Il New York Times smonta lo studio che sembrava attenuare, se non negare, il legame …