Home / Archivio dei Tag: galbani

Archivio dei Tag: galbani

La ricotta non è sempre la stessa, cambiano ingredienti e calorie. Confronto tra classiche, bio e senza lattosio

ricotta cheese on rustic cutting board over wooden table

La ricotta si usa sia per preparare dolci, sformati, paste ripiene oppure viene servita a tavola come secondo piatto. Da un punto di vista merceologico si tratta di un “latticino” ottenuto dal siero rimasto dopo la produzione del formaggio e per questo si considera un  prodotto di seconda lavorazione. Forse per questo motivo non esiste una legislazione specifica. “L’ingrediente principale …

Continua »

Latte in polvere Lactalis: ritirate 12 milioni di confezioni per Salmonella in 67 Paesi. L’Italia sembra abbia scampato il rischio. Il rapporto tecnico Efsa-Ecdc sull’epidemia

latte in polvere formula biberon

Aggiornamento del 2 febbraio 2018: il 29 gennaio 2108 la Direzione generale per la concorrenza, il consumo e la repressione frodi (Dgccrf) ha pubblicato i risultati dei controlli svolti nel corso del mese di gennaio in 3.600 punti vendita, ospedali e nidi su tutto il territorio francese. Sono 21 gli esercizi in cui sono state trovate ancora in vendita confezioni di latte …

Continua »

Mozzarella di bufala e di latte vaccino: Il test francese promuove Galbani e le Dop ma rivela qualche sorpresa

La mozzarella è uno dei formaggi stranieri più amati dai francesi, accanto al Parmigiano e allo svizzero groviera. Per questo motivo la rivista dei consumatori Que Choisir ha realizzato un test comparativo su alcune mozzarelle di latte vaccino e bufalino acquistate nei supermercati d’oltralpe. Il test comprende sia analisi di laboratorio per la ricerca di contaminanti chimici e microbiologici che …

Continua »

Formaggi e latticini freschi senza lattosio: da Galbani al Philadelphia l’offerta è sempre più ricca, anche se è meglio non eccedere

Per chi è gravemente intollerante al lattosio, il principale zucchero contenuto nel latte, i formaggi freschi sono off limits. Per questo sono sempre di più le aziende che utilizzano latte delattosato per confezionare prodotti adatti alle persone intolleranti. Stiamo parlando di grandi aziende come Galbani, che propone una versione speciale della mozzarella Santa Lucia, della crescenza e del mascarpone, o …

Continua »

Sede dello stabilimento sull’etichetta: ping-pong tra ministri e nessuna soluzione. I consumatori non sono presi in considerazione

lente

Il Fatto Alimentare segue da tempo l’incresciosa vicenda della sede dello stabilimento, notizia obbligatoria per oltre vent’anni sulle etichette degli alimenti italiani venduti in Italia di cui il governo Renzi ha tuttavia fatto perdere traccia, omettendo la doverosa notifica della norma nazionale a Bruxelles prima dell’applicazione del regolamento UE 1169/2011. La storia continua, tra tante chiacchiere e pochi fatti.   …

Continua »

Vallelata Primolatte vs Primosale Osella: calorie e freschezza a confronto

Nel pieno dell’estate viene lanciata sul mercato la nuova proposta di Vallelata Primolatte, marchio di proprietà  del gruppo Galbani. L’azienda,  ben nota al grande pubblico per lo slogan Galbani vuol dire fiducia,  passata nel 2006 dal gruppo Danone al gruppo Lactalis, entrambi francesi, come a dire che l’italianità è appetibile per i nostri vicini d’oltralpe anche se già ricchi di …

Continua »

I segreti della mozzarella sono quattro ingredienti. Il test di Altroconsumo promuove 15 campioni su 17

Il 95% degli italiani consuma almeno una volta al mese una mozzarella, in genere, di latte vaccino. Nonostante la capillare diffusione del prodotto, pochi lo conoscono veramente perché solo una parte dei caseifici segue lo schema classico di lavorazione e utilizza i quattro ingredienti canonici: latte, fermenti, caglio e sale. Il consumatore quando si reca al supermercato trova sugli scaffali …

Continua »

Certosa Galbani: i dubbi di un medico sui valori nutrizionali del formaggio fresco. La risposta dell`azienda

Stavo inserendo alcuni dati nel database con cui calcolo le diete (sono un medico specialista) e mi sono imbattuto in qualcosa che mi ha incuriosito: sul sito di Galbani, alla voce Certosa si leggono questi ingredienti: “Latte, sale, enzima coagulante, fermenti lattici. Senza conservanti”. Com’è possibile che a questo corrisponda un’analisi nutrizionale in cui abbiamo 14,5% di proteine e 23,5% …

Continua »