Home / Archivio dei Tag: cassazione

Archivio dei Tag: cassazione

Il caso delle puntarelle, la scadenza va sempre in etichetta sui prodotti ortofrutticoli tagliati. Lo conferma la Cassazione

Puntarelle, Roman Marketplace

Sulle confezioni di  frutta e verdura tagliata il termine minimo di conservazione deve esserci sempre. Lo ha ribadito la Corte di Cassazione in una sentenza che chiarisce una volta per tutte la questione  della scadenza sui prodotti otrofrutticoli. Tutto è partito da un caso che coinvolge le puntarelle, cioè i germogli della catalogna, che per essere vendute in quanto tali …

Continua »

Stop al panino a scuola: per la Cassazione non c’è il diritto al pasto da casa nelle mense. Il commento dell’Adi

Mother preparing lunch for schoolchild at table

Stop al panino da casa nelle mense scolastiche. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, accogliendo il ricorso del comune di Torino e del ministero dell’Istruzione e annullando la sentenza del 2016 della Corte di appello di Torino, che aveva dato il via libera al pasto da casa nei locali mensa delle scuole, come chiedevano i 38 genitori del comitato …

Continua »

Non indicare nel menu gli alimenti surgelati presenti nel freezer del ristorante è un reato di tentata frode in commercio

I ristoranti che servono cibi surgelati, senza che questa qualità sia indicata nel menu, commettono un reato di frode in commercio. Non solo, il reato di tentata frode c’è anche se nel freezer ci sono alimenti surgelati, non indicati nel menu. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, respingendo come inammissibile il ricorso di un ristoratore, condannato sia dal Tribunale …

Continua »

Odori molesti: adesso sono reato. La lite condominiale che potrebbe rivoluzionare i rapporti tra inquilini e ristoratori

Gli odori di cucina molesti costituiscono reato, secondo la Corte di Cassazione. Il caso giurisprudenziale può innescare nuovi procedimenti, che gli operatori della ristorazione collettiva, “fast food” e “take away” faranno bene a considerare in via preventiva. Il giudizio è nato da una storia che pare quasi una barzelletta. Un condomino che vive al terzo piano di una casa a Monfalcone, …

Continua »

La doggy bag fa parte delle “regole comunemente accettate nella civile convivenza” e ristoranti e alberghi non possono vietarla

Ristoranti e alberghi non possono vietare ai clienti di portarsi via il cibo avanzato per portarlo a casa, consumarlo dopo o darlo al proprio cane, la cosiddetta doggy bag, e neppure di utilizzare l’acqua avanzata in tavola per riempirsi la borraccia. Lo ha stabilito una sentenza della Corte di Cassazione, che ha giudicato questi divieti come una “lesione di regole …

Continua »

Frutta e inquinamento: la Cassazione condanna un negozio che espone all’aperto. Il rischio è lo smog, ma la vendita è autorizzata dal comune!

I banchi all’aperto dei fruttivendoli con la merce in bella mostra sono destinati a sparire? A scatenare l’allarme è stata una recente sentenza della Cassazione, che ha confermato la condanna inflitta dal tribunale di Nola, in Campania, a un esercente che aveva esposto all’aperto tre cassette di verdure, giudicate “in cattivo stato di conservazione” proprio per essere state esposte allo …

Continua »

Frodi alimentari: vendere cibi mal conservati è reato. La Cassazione smentisce la bufala dell’abrogazione della legge

Il Fattoalimentare.it ha a suo tempo segnalato la “bufala” sulle frodi alimentari relativa alla presunta abrogazione della legge 283/1962. Un giudice di Benevento aveva ritenuto che tale normativa – che, all’articolo 5, punisce con sanzione penale una serie di condotte illecite in materia alimentare, come la detenzione per la vendita di alimenti non idonei al consumo umano – dovesse intendersi abrogata …

Continua »

Serve un nuovo pronunciamento della Cassazione per confermare la validità della legge 283?

 Gentile redazione, sono un agente  della Polizia Municipale che da circa 30 anni si occupa di controlli commerciali e igienico annonari. Le scrivo per evidenziare un aspetto del “salvataggio” della L. 283/62 che creerà in futuro (nonostante che tutti facciano finta di ignorarlo) seri problemi per l’accertamento dei reati alimentari. L’art. 14, comma 17 della norma “taglia-leggi”, come risaputo, salva …

Continua »

La legge “taglia-frodi” non è stata abrogata. Lo chiarisce la Cassazione in un parere del 19 gennaio 2011

  La Corte di Cassazione chiarisce con un’apposita relazione che la legge 283 del 1962 – chiamata in gergo la “taglia-frodi”, poiché sanziona penalmente illeciti come la vendita di alimenti insudiciati o mal conservati – non è mai stata abrogata per effetto della semplificazione legislativa. Dopo i comunicati stampa dei Ministeri per la Salute e per la Semplificazione Amministrativa è …

Continua »