Home / Etichette & Prodotti / Il caso delle puntarelle, la scadenza va sempre in etichetta sui prodotti ortofrutticoli tagliati. Lo conferma la Cassazione

Il caso delle puntarelle, la scadenza va sempre in etichetta sui prodotti ortofrutticoli tagliati. Lo conferma la Cassazione

puntarelle alla romana, italian foodSulle confezioni di  frutta e verdura tagliata il termine minimo di conservazione deve esserci sempre. Lo ha ribadito la Corte di Cassazione in una sentenza che chiarisce una volta per tutte la questione  della scadenza sui prodotti otrofrutticoli. Tutto è partito da un caso che coinvolge le puntarelle, cioè i germogli della catalogna, che per essere vendute in quanto tali devono essere necessariamente tagliate dal cespo.

Nello specifico, l’azienda Italmark Spa aveva ricevuto un’ingiunzione dall’ars di Brescia, perché aveva messo in commercio delle confezioni di puntarelle senza l’indicazione del termine minimo di conservazione. Il produttore, però, si era opposto sostenendo che le puntarelle dovrebbero essere considerate come un prodotto fresco e non preconfezionato.

Il procedimento è arrivato fino in Cassazione. Secondo la sentenza l’esclusione dall’obbligo di indicare il termine minimo di conservazione vale solo per i prodotti ortofrutticoli che non sono stati sbucciati, tagliati o abbiano subito trattamenti simili (decreto legislativo n. 109/1992). Di conseguenza, le puntarelle tagliate dal cespo di catalogna non possono essere definite prodotti ortofrutticoli freschi e, quindi, devono indicare il termine minimo di conservazione in etichetta.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Nutella biscuits o Baiocchi? La guerra dei biscotti tra Ferrero e Barilla è iniziata. Ma sarebbe meglio parlare di pasticcini

L’arrivo sugli scaffali dei supermercati dei biscotti Nutella Biscuits è stata annunciato da quotidiani, tv …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *