Home / Archivio dei Tag: biotossine algali

Archivio dei Tag: biotossine algali

Farina di riso Il Molino Chiavazza richiamata per presenza di soia, formaggio Nodo del Saio per E. coli STEC e cozze per biotossine DSP

richiamo nodo del saio farina di riso cozze

Il ministero della Salute ha diffuso il richiamo di un lotto di farina di riso senza glutine a marchio Il Molino Chiavazza per la presenza di una contaminazione da soia. Il prodotto interessato è venduto in confezioni da 500 grammi con il numero di lotto 023560 e il termine minimo di conservazione 15/03/2021. Il richiamo è stato pubblicato anche dai …

Continua »

Cozze e tris di mare Marinsieme richiamate per la presenza di biotossine algali DSP. Ma tutti i lotti sono già scaduti…

frutti di mare cozze e vongole molluschi

Il ministero della Salute ha diffuso l’avviso di richiamo di diversi lotti di cozze e di tris di mare a marchio Marinsieme per la presenza di biotossine algali di tipo DSP (Diarrhetic shellfish poisoning). I prodotti interessati sono venduti in reti da 1 kg con i seguenti numeri di lotto e scadenze, tutte già passate da 8-10 giorni: Lotto 59433 …

Continua »

L’Anses lancia l’allarme pinnatossine nei molluschi: sono sempre più diffuse. E aumenta il rischio per la salute

L’Anses, l’agenzia per la sicurezza alimentare francese, lancia l’allarme pinnatossine. Queste  tossine sono  prodotte da una famiglia di microalghe, i dinoflagellati della specie Vulcanodinium rugosum,  identificate nel Mediterraneo per la prima volta nel 2011, sarebbero in aumento sia per quanto riguarda il numero sia per gli areali di diffusione, con effetti potenzialmente pericolosi per la salute. Le pinnatossine, infatti, possono …

Continua »

Aggiornamento del 24/11: le analisi dell’azienda Za.Mar hanno rilevato livelli di PSP sotto i limiti. Nuovi richiami di ostriche contaminate da biotossine paralizzanti: 4 marchi e 24 lotti coinvolti. L’allerta arriva dalla Francia

Aggiornamento del 24 novembre 2017: l’azienda Za.Mar informa Il Fatto Alimentare che “grazie all’effettiva rapidità del Sistema di allerta attivato è stato possibile recuperare una parte del prodotto venduto” su cui è stato possibile eseguire le controanalisi, “tenuto conto che l’allerta è partita dalla zona di produzione [Francia] era doveroso per il consumatore avere un dato più specifico relativamente allo stato di …

Continua »