Home / Pianeta / I supermercati si impegnano per ridurre la plastica: le iniziative di Conad, Naturasì e Coop per l’ambiente

I supermercati si impegnano per ridurre la plastica: le iniziative di Conad, Naturasì e Coop per l’ambiente

plasticaConad si impegna a ridurre la plastica nei propri prodotti a marchio. I primi ad essere eliminati saranno i prodotti monouso come posate, bicchieri, piatti e cannucce, ed entro i prossimi due anni saranno plastic free anche i materiali di confezionamento degli alimenti come vaschette di plastica, buste, astucci e del packaging secondario come film e adesivi. Secondo Francesco Avanzini, dg di Conad, la sensibilità ambientalista è sempre più diffusa tra i consumatori, e per restare competitivi occorre per stare al passo con gli altri paesi europei, già molto avanti nella lotta ai materiali non eco friendly.

Anche NaturaSì in collaborazione con Legambiente in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, ha presentato un progetto di riduzione ed eliminazione delle bottiglie e degli imballaggi in plastica dai punti vendita (leggi articolo qui).

Tra le catene di supermercati che hanno iniziato a occuparsi del problema, Coop per prima ha aderito alla campagna di impegni per la riduzione della plastica lanciata su base volontaria dalla Commissione Europea. Da anni ha una politica orientata a facilitare lo smaltimento degli imballaggi o a proporre soluzioni più ecologiche per alcuni referenze a marchio, come le ricariche dei prodotti per l’igiene della casa o della persona. Le nuove azioni di tutela ambientale della catena permetteranno di raggiungere nel 2025 un risparmio totale di plastica vergine di 6.400 tonnellate annue.

Degli impegni sottoscritti da Coop con l’UE in primo luogo troviamo le bottiglie di acqua minerale, i flaconi detergenza casa e tessuti, le vaschette per l’ortofrutta. In particolare per le 27 bottiglie di acqua Coop già a dicembre 2019 si raggiungerà il 30% di presenza di riciclato fino a salire al 50% a gennaio 2023.
Una tendenza che, sulla spinta dei consumatori sempre più virtuosi e informati, coinvolgerà probabilmente anche le altre insegne, nell’interesse di tutti e del pianeta.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

spreco alimentare

Combattere lo spreco alimentare ‘umanizzando’ frutta e verdura imperfetta, la strana strategia di alcuni ricercatori americani

Si moltiplicano, a livello internazionale, gli sforzi per ridurre lo spreco alimentare. Negli ultimi giorni …

3 Commenti

  1. Avatar

    Prendendo spunto da altri vostri articoli sul tema (quello dei miliardi di bottiglie di acqua imbottigliata venduta in Italia, l’altro sull’uso delle borracce, adesso questo) notando che per paradosso mi pare che sta aumentando l’uso di formati più piccoli del classico litro e mezzo, mi chiedo se non sarebbe possibile obbligare all’uso dell’alluminio almeno per i formati da 500 ml e più piccoli. Del resto lo si usa già con le bevande. L’alluminio è molto più facilmente riciclabile.

  2. Avatar

    Sarebbe opportuno che Coop facesse etichette biodegradabili da apporre sulle buste già biodegradabili per i prodotti freschi. Si eviterebbero così complicati equilibrismi per non dover buttere busta ed etichetta nell’indifferenziato, vanificando la legge sulla riduzione degli imballaggi!

  3. Avatar

    Buona cosa intanto sarebbe un obbligo legale relativo alle dimensioni e posizioni delle indicazioni di ricupero e riciclo sulle confezioni. Infatti spesso è arduo poter rintracciare tali indicazioni anche per il consumatore più attento, e sarebbe utile, anche ai fini educativi del consumo, che fossero più grandi e in vista, anziché dietro, nelle pieghe, e mescolate a papiri propagandistici che pochissimi leggono.
    Incominci la GDO a richiederlo ai fornitori in via volontaria, e a praticarlo sulle confezioni a marchio delle catene!!