Home / Coronavirus / Coronavirus: Esselunga, Carrefour, Eurospin vietano l’acquisto di penne e quaderni. È polemica. Federdistribuzione non è d’accordo

Coronavirus: Esselunga, Carrefour, Eurospin vietano l’acquisto di penne e quaderni. È polemica. Federdistribuzione non è d’accordo

Per conoscere il numero di persone colpite in Italia  clicca qui

Per conoscere il numero di persone colpite nel mondo clicca qui

Oltre ai limiti già previsti dal decreto per contenere la diffusione del coronavirus, le nuove difficoltà per i consumatori vengono da alcune catene della grande distribuzione- soprattutto Esselunga, ma anche Carrefour ed Eurospin – che hanno deciso di limitare la vendita di alcuni prodotti considerati non di prima necessità, tra cui cancelleria, biancheria personale o deodoranti per ambienti. I primi cartelli sono comparsi due giorni fa in alcuni punti vendita Esselunga, poi la polemica è esplosa, come riportava ieri La Repubblica in cronaca di Milano.

Dalle prime voci registrate all’interno dei punti vendita, sembra che alla base della decisione ci fosse la volontà di non fare concorrenza ai negozi che sono costretti chiudere, come mercerie e cartolerie, oppure di limitare la permanenza dei clienti nel punto vendita.

Ora sembra invece che si tratti di un’interpretazione del Decreto del Presidente del Consiglio dell’11 marzo: è la risposta che ci ha dato Esselunga, che rispondendo alle nostre domande ha affermato di aver “dovuto interrompere la vendita di alcune tipologie merceologiche del comparto non food, in ottemperanza a quanto stabilito nell’ultimo decreto in merito alle categorie che possono proseguire l’attività commerciale”. “Stiamo cercando di attenerci alle indicazioni che ci arrivano, e credo che questa decisione valga anche per altre sigle della GDO”, aggiungono i responsabili comunicazione di Esselunga, ”d’altronde non si tratta di beni di prima necessità”.

Un’interpretazione che sembra poco convincente, visto che il decreto si limita a specificare, all’allegato 1, la tipologia di esercizi che possono rimanere aperti (supermercati e ipermercati) senza fare riferimento alle categorie merceologiche che possono essere vendute. D’altronde, è poco sostenibile che quaderni e penne non siano “beni di prima necessità” per i bambini che sono costretti a casa, e lo stesso vale per altri prodotti non più disponibili, mentre sono in libera vendita superalcolici e altri prodotti non proprio indispensabili. Senza contare che per limitare le uscite e il tempo trascorso fuori di casa, sembra sensato offrire la massima disponibilità di beni in uno stesso punto vendita.

Federdistribuzione starebbe cercando di fare chiarezza su eventuali permessi di vendita di diversi articoli all’interno dei supermercati.

Altre sigle della GDO intanto stanno assumendo una posizione leggermente diversa: vale per Coop che “al momento sta cercando di capire il da farsi, valutando le disposizioni in materia, che sono molteplici e contraddittorie, diverse da territorio a territorio. “Certo è che stiamo fornendo un servizio essenziale, di pubblica utilità a tutti i cittadini, e lo facciamo con senso di responsabilità”, specificano i responsabili di comunicazione di Coop: proprio per questo, in aggiunta alle misure igieniche e di precauzione adottate, è stato deciso di chiudere le prossime 2 domeniche (22 e 29 marzo), “a ulteriore dimostrazione dell’attenzione con cui stiamo seguendo da un lato le indicazioni ministeriali di uscire il meno possibile dalle proprie case, e dall’altro le necessità dei nostri dipendenti”.

Quanto a Conad, l’amministratore delegato Pugliese ha espresso le sue perplessità in una dichiarazione apparsa su varie testate: “Siamo in un momento particolare, ma proprio per questo aggiungere complicazioni e limitazioni crea confusione per i nostri dipendenti che sono già sotto pressione. E anche per i consumatori”, afferma Pugliese, aggiungendo che la merce esposta dovrebbe poter essere venduta, anche per evitare conflittualità con i clienti arrabbiati perché non possono acquistare prodotti che si trovano davanti.

La questione sembra tutt’altro che risolta e anche in Esselunga non escludono che la situazione possa cambiare nelle prossime ore.  L’opinione prevalente al momento è che il divieto di vendita di questi prodotti valga solo per il fine settimana. Lo afferma Confcommercio in una nota in cui si legge che: “È possibile continuare a vendere tutti i prodotti con l’unica limitazione relativa alle giornate prefestive e festive (sabato e domenica) dove si richiede di limitare l’accesso alle aree di vendita di generi alimentari, farmaci e parafarmaci”.

Anche Federdistribuzione, pur criticando il provvedimento, sottolinea che “le disposizioni emanate prevedrebbero che nei giorni prefestivi e festivi siano chiusi i negozi non food e quelli food siano aperti, ma limitando la vendita ai soli generi alimentari “. Una decisione che secondo l’associazione della GDO “crea un disservizio per il consumatore, che per gli acquisti che non ha potuto fare nel fine settimana si troverebbe costretto a tornare nel negozio nei giorni successivi”, oltre a “ridurre gli spazi calpestabili utili per il mantenimento delle distanze previste”, nel caso in cui alcune parti del supermercato siano transennate o rese inaccessibili. Le attività che possono aprire, ad esempio quelle alimentari, precisa Federdistribuzione, devono poter essere esercitate in ogni giorno della settimana nella loro complessità, senza limitazioni merceologiche di sorta, proprio per evitare l’ingestibilità dei negozi in questo momento così difficile.

 

Altri articoli di approfondimento sul sito

La spesa ai tempi del coronavirus: supermercati chiusi la domenica, orari ridotti e vendita solo di beni di prima necessità del 18 marzo 2020

-Coronavirus, restare a casa funziona e rallenta i contagi. I casi di Lodi e Bergamo confrontati dall’Anbi del 18 marzo 2020

-Coronavirus: come la Cina ha sconfitto l’epidemia in tre mesi. Il 60% dei pazienti asintomatico. Medici in hotel. Il modello da seguire del 17 marzo 2020

-Coronavirus, quanti giorni ancora? Le previsioni del Mario Negri sul numero dei malati e sulla durata in un articolo del Lancet del 16 marzo 2020

-Coronavirus: pasta, cibo in scatola e disinfettante. Coop fotografa la spesa degli italiani in tempi di pandemia del 16 marzo 2020

-Coronavirus, scarpe, asfalto e superfici: il contagio è davvero possibile? Risponde Antonello Paparella, microbiologo alimentare del 16 marzo 2020

-Coronavirus: nei supermercati Coop barriere di plastica e guanti per fare la spesa in sicurezza del 13 marzo 2020

Coronavirus, non ci sono prove di trasmissione alimentare. Lo dicono Efsa, Ecdc e BfR del 12 marzo 2020

Coronavirus: non contagia fino a 4,5 metri e non sopravvive 9 giorni. Lo dicono: Università Teramo, Mario Negri e Iss dell’11 marzo 2020

Coronavirus: no, le bevande calde non proteggono dall’infezione. La bufala smontata da “Dottore, ma è vero che…?” dell’11 marzo 2020

Coronavirus: cosa fare se si sospetta il contagio? Vademecum dell’Istituto superiore di sanità del 10 marzo 2020

Coronavirus: l’acqua del rubinetto non è pericolosa. L’Istituto superiore di sanità spiega perché non serve la minerale del 9 marzo 2020

Coronavirus: come capire quando l’influenza non è normale. I sintomi descritti dall’Istituto superiore di sanità dell’8 marzo 2020

Coronavirus, intervista a Walter Ricciardi sul sito Quotidiano Sanità: i numeri del contagio sottostimati in Europa del 6 marzo 2020

Cibo, sicurezza & coronavirus. Le precauzioni da prendere in cucina spiegate da Antonello Paparella del 6 marzo 2020

Coronavirus: 81 anni l’età media dei 105 morti. In due terzi dei casi c’erano patologie preesistenti del 5 marzo 2020

Coronavirus: è efficace l’isolamento sociale? Sì, quando c’è un’epidemia. Lo spiega l’Istituto superiore sanità del 5 marzo 2020

Coronavirus e animali domestici: non esistono prove di trasmissione a cani e gatti, scrive l’Istituto superiore di sanità del 3 marzo 2020

Il vaccino per il coronavirus arriverà, ma non prima dell’anno prossimo. Lo spiega Clavenna del Mario Negri del 2 marzo 2020

Coronavirus: gravidanza, allattamento e parto cosa fare? Le regole dell’Istituto superiore di sanità per la mamma e il bambino, del 1 marzo 2020

Coronavirus: le regole da seguire su mascherine, igiene, tosse e raffreddore dell’Istituto superiore di sanità del 26 febbraio 2020

Coronavirus: le parole da conoscere come “contatto stretto” o “asintomatico” le spiega il glossario dell’Iss del 25 febbraio 2020

Coronavirus: domande e risposte sulla trasmissione in Italia e su cosa devono fare i donatori e le persone in gravidanza del 24 febbraio 2020

Coronavirus, seri sospetti sui pangolini responsabili della trasmissione all’uomo. Stretta in Cina sul commercio di animali vivi del 24 febbraio 2020

Coronavirus: igiene, prevenzione, cibo e animali, cosa fare? Le domande e le risposte del ministero del 23 febbraio 2020

Coronavirus: sintomi e modalità di trasmissione, le domande e le risposte del ministero della Salute del 23 febbraio 2020

Coronavirus: come distinguerlo dalla normale influenza? L’Iss risponde ai dubbi più comuni del 6 febbraio 2020

-Coronavirus, i casi aumenteranno. Oltre 200 morti e quasi 10.000 persone infettate. Il parere di Giuseppe Novelli genetista di Tor Vergata del 31 gennaio 2020

-Coronavirus: primi due casi in Italia. L’Oms dichiara lo stato di emergenza sanitaria globale del 31 gennaio 2020

-Cina il coronavirus avanza: le domande e le risposte degli esperti. Le probabilità di arrivo in Italia. Nessun problema per i ristoranti cinesi del 27 gennaio 2020

© Riproduzione riservata

  Paola Emilia Cicerone

Paola Emilia Cicerone
giornalista scientifica

Guarda qui

Cutting meat in slaughterhouse

Coronavirus, focolai nei macelli della provincia di Mantova. Scoperti 68 casi in pochi giorni. In allerta le province limitrofe

Dopo la Germania, la pianura padana. Anche nella provincia di Mantova sono stati individuati diversi …

63 Commenti

  1. Avatar

    Sono più realisti del re

  2. Avatar

    Secondo me il comportamento di Esselunga è responsabile, perché alla luce del decreto che stabilisce che siano aperti solo gli esercizi di alimentari, limita a questi prodotti la vendita per non essere scorretta di fronte agli esercizi che devono restare chiusi. Sono quindi perfettamente d’accordo e considero “furbi” i punti di vista molto generici degli altri gdo.

    • Avatar

      Certo. Poi glielo dice lei a mia figlia o alle sue maestre che non può fare i compiti perché non si trovano quaderni da nessuna parte?

    • Avatar
      Bassanello Anna

      Uno che deve stare a casa con bimbi a seguito e vuole comprare un libro x sé e fare un regalino ai bimbi con un libro non può, mi sembra una cattiveria, e poi non può comprare quaderni e matite x fare i compiti o disegnare, ma questi bimbi devono solo guardare Yutube e televisione?

  3. Avatar

    Mi sembrava che dovessimo darci da fare affinché i bambini possano svagarsi anche atteaverso il disegno e compiti@!!!! Ma se ilmaterialedidattico (penne, pennarelli, colori ecc. Finiscono dove andiamo a comprarli se non al supermercato che è aperto! SVEGLIA!!!! Siamo al delirio più totale!!!!!

  4. Avatar

    Che stupidità! Si vede che siamo il popolo meno acculturato d’Europa, per l’influenza stagionale il 40% dei cittadini non si vaccina , ora si applicano norme come lo farebbe uno studente di terza media ! E a Milano una grande quantità di persone è fuori casa !!! Tutti gli avvocaticchi che ci sono non possono dire ad alta voce che se il super mercato ha il permesso di vendere, non può, poi, dire che qualche merce non è in vendita !!! E il popolo bue accetta qualsiasi angheria ! Ieri , nella mia città, davanti ad un supermercato, vigili urbani ” urlavano” in malo modo alle persone senza ” mascherina ” e nessuno dei presenti ha detto ai vigili di abbassare la voce e il tono, visto che loro erano al servizio dei cittadini e ai propri datori di lavoro ci si rivolge in modo urbano ! È incredibile che ci facciamo urlare addosso da vigili urbani !!!!!

    • Valeria Nardi

      Riguardo l’uso delle mascherine in questi giorni sono stati diversi e contraddittori gli interventi del personale medico, da chi diceva che le persone asintomatiche non dovevano metterle, a che le invocava per chiunque a chi chiedeva di lasciale al personale medico più esposto. Strano che le forze dell’ordine pretendano l’uso di questo dispositivo visto che (per adesso) non è obbligatorio e che soprattutto, almeno qui a Milano, è introvabile.

    • Avatar

      Sarebbe interessante capire quante delle persone che hanno contratto il coronavirus erano vaccinate per l’influenza. Saluti

  5. Avatar
    Daniela Meneghin

    Gli alcolici e i super alcolici invece quelli lasciamoli in vendita perché sono bisogno primario!!!!!! Complimenti

  6. Avatar
    Giorgio Gregoriadis

    IO LI HO AQUISTATI UGUALMENTE, ALLA CASSA NON MI HANNO DETTO NIENTE E SONO PASSATI, SENZA NESSUN PROBLEMA

  7. Avatar

    Che ci volete fare?
    A Roma l’Amministrazione ha fatto divieti ai panificatori di vendere pizze con il pomodoro; solo pizze e focacce per non fare concorrenza reale a quegli esercizi che non sono aperti.
    E’ un po’ farraginoso ma è così.

  8. Avatar

    Buongiorno, è stata vietata anche la vendita di insetticidi, se io ho le formiche in casa che cosa devo fare? Purtroppo io devo andare al lavoro, se no mi sarei messo a schiacciarle con il dito!

  9. Avatar

    Esselunga, oltre a limitare la vendita di alcune merceologie durante la settimana (anzichè solo lun/ven come previsto) sta già riducendo l’orario di apertura. Scaffali comunque tutti ben riforniti. Verificate prima di recarvi lì.

  10. Avatar

    Che non vendano le penne ormai non mi stupisce, visto che ieri, sabato, alla cassa di ben 2 supermercati famosi ma diversi da quelli sopracitati, arrivata alla cassa mi è stata rifiutata la vendita dei pannolini per i bambini, in quanto non vendibili il sabato. In compenso comprare birra e olive nere non è stato un problema. Alla prossima dovrò ricordare di comprare i pop corn da infilare nelle mutandine.

    • Avatar

      Sono estremamente allibita. Mi spiace tantissimo e non comprendo perché li abbiano vietati. Per fortuna mando a fare la spesa, ogni 10 giorni, durante la settimana.