Home / Recensioni & Eventi / Storie di persone con disturbi alimentari: accettare l’aiuto è un passo decisivo

Storie di persone con disturbi alimentari: accettare l’aiuto è un passo decisivo

Finito di stampare nel marzo del 2022 per Solferino, il libro di Fiorenza Sarzanini Affamati d’amore nasce dall’urgenza di impegnarsi in prima persona perché i disturbi del comportamento alimentare siano trattati per quello che sono: una vera emergenza. Lo sa bene la giornalista e vicedirettrice del Corriere della Sera e lo racconta nel libro. È successo anche a lei, quando aveva 23 anni, di dover affrontare questo demone. “Arrivi al fondo dell’abisso e non te ne rendi conto” scrive. Allora, 30 anni fa, i disturbi alimentari erano quasi sconosciuti, ma la scelta di scriverne proprio ora, dopo che la pandemia ha portato all’esplosione del numero dei casi, non è certo casuale.

L’autrice si chiede perché, in concomitanza con l’applicazione delle misure restrittive per ridurre i contagi, migliaia di bambini e adolescenti abbiano sviluppato disturbi alimentari e siano aumentati gli atti di autolesionismo e i tentativi di suicidio. Quanto contano in questo fenomeno la disinformazione in rete e il confronto sui social? Quanto conta l’isolamento? “Secondo le ultime stime aggiornate al 2021 – si legge nel libro –, in Italia soffrono di anoressia circa 3 milioni e mezzo di persone. Tra loro, il 20% sono bambini tra gli otto e i 14 anni. Soltanto il 10% sono maschi. Nel 2016 ci sono state 3.240 vittime, compresi i malati di bulimia”. Un esercito di bambini e ragazzi, ma non solo, contagiati da un’epidemia per cui non c’è vaccino né mascherina che possano svolgere un ruolo protettivo. A proteggere, o almeno a tentare di farlo, ci sono le persone, professionisti come medici e psicologi, ma anche persone attente e impegnate come l’autrice.

Il volume, si snoda lungo 137 pagine e si lascia ‘divorare’ in poco tempo, attraverso le storie di Simona, Paolo, Marilù, Vanessa, Bianca, Matteo e Ylenia. Nomi, volti e anche corpi, che l’autrice ha incontrato e dei quali ha raccolto e raccontato la storia con tatto e sensibilità. Oltre i luoghi comuni e le semplificazioni. Non sono tutti ragazzini, i protagonisti delle storie che scorrono sulle pagine di questo libro e neppure vivono tutti in situazioni di disagio evidente. Eppure nelle loro vite è scattato qualcosa che li ha fatti svoltare verso l’autodistruzione, chi poco a poco, chi con un episodio preciso. Le storie testimoniano di percorsi faticosi e differenziati, ma sono qui a dirci anche che una via d’uscita c’è e che, se si accetta di farsi aiutare, ci si può salvare.

© Riproduzione riservata; Foto: Solferinolibri, AdobeStock

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Chiara Cammarano

Guarda qui

Young adult food stylist woman taking photo on smartphone

Le migliori newsletter sul cibo consigliate da Linkiesta, una di queste è Il Fatto Alimentare

Il 21 marzo scorso il sito Linkiesta ha pubblicato, nella sezione Gastronomika, un articolo di …