Home / Etichette & Prodotti / Stabilimento di produzione in etichetta: domani riunione al Ministero per discutere. Decisiva la pressione dell’opinione delle organizzazioni dei consumatori e dei siti internet

Stabilimento di produzione in etichetta: domani riunione al Ministero per discutere. Decisiva la pressione dell’opinione delle organizzazioni dei consumatori e dei siti internet

etichette
Stabilimento di origine in etichetta: domani 11 febbraio riunione al Ministero per discutere

Il Ministero dello Sviluppo economico ha convocato per domani 11 febbraio 2015 una riunione per discutere sull’indicazione dello stabilimento di produzione da riportare  sulle etichette dei prodotti alimentari. Federica Guidi ha invitato i tecnici degli altri ministeri interessati (Politiche agricole, Salute, Politiche europee) ed i rappresentanti di Federalimentare, Federdistribuzione, Confapi, Coldiretti, Confagricoltura e Copagri per cercare una soluzione condivisa che tuteli i consumatori e le aziende alimentari, nel rispetto delle norme europee. Il nuovo tavolo di discussione è il risultato di una pressione dell’opinione pubblica, delle organizzazioni dei consumatori, di siti come Great Italian Food  Trade e Il Fatto Alimentare che da mesi portano avanti questa battaglia, oltre che dei t firmatari di questa petizione e di quelli che hanno aderito alla raccolta firme del sito  Ioleggoletichetta.

 

mela etichetta
Il regolamento UE prevede che gli Stati membri possano introdurre obblighi aggiuntivi per motivi di protezione della salute pubblica

Il regolamento comunitario  1169/2011 entrato in vigore il 13 dicembre scorso ha stabilito l’elenco delle indicazioni obbligatorie da riportare nell’etichetta dei prodotti alimentari tra le quali non figura però lo stabilimento di produzione (cosa che non ne vieta comunque l’indicazione da parte delle imprese, come molte aziende italiane stanno già facendo su base volontaria). Lo stesso regolamento prevede che gli Stati membri possano introdurre obblighi aggiuntivi ma solo per categorie specifiche di alimenti purché siano giustificati da almeno uno dei seguenti motivi: protezione della salute pubblica, protezione dei consumatori, prevenzione delle frodi, protezione dei marchi, delle indicazioni di provenienza, delle denominazioni di origine controllata e per la repressione della concorrenza sleale.

 

gift dario dongo
Il nuovo tavolo di discussione è il risultato di una pressione delle organizzazioni dei consumatori e di siti come Great Italian Food Trade

Come abbiamo già detto i motivi ci sono, basta solo ricordare cosa succede nei casi di allerta alimentare quando la disponibilità immediata della sede dello stabilimento consente alle autorità di controllo di risalire in tempo reale alla causa del problema e di intervenire con efficacia per ritirare il prodotto, anche al di fuori dei giorni feriali e degli orari di ufficio. Nella gestione delle crisi di sicurezza alimentare il tempismo è cruciale, e l’indicazione dello stabilimento può sicuramente abbreviarlo. Il Ministero della salute  in un recentissimo documento sul sistema di allerta  scrive  “in taluni casi si assiste ancora ad una poca efficacia per la rintracciabilità da parte degli Operatori del settore alimentare (OSA) che, a volte, ha comportato un rallentamento nelle indagini e negli interventi mirati. Infatti, in taluni casi è stato necessario effettuare numerosi solleciti e comunicazioni per l’acquisizione di documenti necessari a garantire la completezza delle informazioni (in particolar modo sui provvedimenti adottati in ambito territoriale, compreso il ritiro/richiamo).” Se tutto ciò accade adesso che l’indicazione dello stabilimento  è chiara figuriamoci cosa può succedere un venerdì pomeriggio quando si scopre un caso di botulino su un vasetto di conserve vegetali e l’indirizzo sul prodotto indica una sede situata a Bruxelles o a Londra, naturalmente chiuse per il week end.

Sara Rossi

© Riproduzione riservata

 

Per sottoscrivere la petizione che chiede al Ministero di mantenere l’indicazione dello stabilimento di produzione clicca qui.

stabilimento produzione petizione

 

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

prosciutto crudo

Coldiretti: 3 prosciutti su 4 da cosce importate. Serve l’etichetta di origine. Silenzio sulla frode dei prosciutti Parma e San Daniele

Il presidente di Coldiretti Ettore Prandini ritiene sia giunto il momento di “conoscere l’origine degli …