;
Home / Nutrizione / Società Svizzera di Nutrizione: polemiche per i finanziamenti dalle multinazionali del cibo

Società Svizzera di Nutrizione: polemiche per i finanziamenti dalle multinazionali del cibo

piramide alimentare svizzera
La SSN è un’associazione nata per informare la popolazione sui temi legati all’alimentazione e promuovere uno stile di vita sano ed equilibrato.

La Società Svizzera di Nutrizione (SSN) è un’associazione nata nel 1965 con lo scopo di informare la popolazione sui temi legati all’alimentazione e promuovere uno stile di vita sano ed equilibrato. Con questo obiettivo la SSN ha elaborato la piramide alimentare svizzera e le tabelle di composizione nutrizionale. Esaminando però la lista dei suoi sostenitori troviamo nomi che mal si accompagnano alla missione. Tra i finanziatori dell’associazione ci sono diversi rappresentanti delle multinazionali del cibo come Coca-Cola, Danone, McDonald’s, Nestlé e Unilever. Coca-Cola ha confermato di donare ogni anno alla SSN circa 10.000  franchi svizzeri dei 213.000 regalati dalle big dell’agroalimentare e della grande distribuzione.

Ma BigFood non si limita a versare contributi alle associazioni. Fa molto di più. Per esempio, Nestlé ha creato i Premi dell’Alimentazione del valore complessivo di 30.000 CHF che vengono conferiti durante l’annuale congresso del SSN, che avrà luogo il prossimo settembre, a cui contribuiscono attivamente altre grandi aziende come Coca-Cola, Andros (gigante dei succhi di frutta) e Migros (catena di supermercati).

Nestle S.A.
Tra i finanziatori della SSN troviamo diversi rappresentanti delle multinazionali del cibo come Coca-Cola, Danone, McDonald’s, Nestlé e Unilever.

I rapporti della SSN non sono una novità e sono stati criticati aspramente in passato. Il suo direttore Christian Ryser dichiara che l’associazione mantiene una totale indipendenza dai finanziatori e di rispettare i più rigorosi standard scientifici e nutrizionali. Ma la Società Svizzera di Nutrizione non è l’unica organizzazione a ricevere finanziamenti dalle Big Food. Secondo una strategia di marketing ben collaudata, le multinazionali del cibo finanziano società di nutrizione, associazioni e gruppi di ricerca nel campo della salute, per associare i propri prodotti e il proprio nome a un concetto di alimentazione sano ed equilibrato.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Dieta Nutritionist giving consultation to patient with healthy fruit and vegetable, Right nutrition and diet concept

Le dieci regole della nuova dieta salva-cuore che rispetta l’ambiente e le storie personali

L’American Heart Association ha aggiornato le linee guida sull’alimentazione corretta per la prevenzione delle malattie …