;
Home / Pianeta / Come ridurre lo spreco alimentare nelle mense: cambiando la forma dei piatti

Come ridurre lo spreco alimentare nelle mense: cambiando la forma dei piatti

ragazza mangia piatto pollo frittoGli americani sprecano circa il 31% del cibo acquistato in supermercati e negozi, e consumato in ristoranti e mense: una quantità enorme, con impatto ambientale molto rilevante, e che da tempo si cerca di ridurre. L’Università dell’Illinois di Urbana-Champaign, una delle più impegnate sul fronte alimentare da molti punti di vista, nel 2016 ha lanciato una campagna educazionale nelle sue residenze per studenti che, però, non ha portato ai risultati sperati. Uno studio di quello stesso anno, peraltro, aveva fatto emergere che per ogni pasto si sprecavano 93,5 grammi di cibo, per un totale – nelle sei mense presenti – di 6.747 chilogrammi buttati ogni settimana, una quantità impressionante. Inoltre aveva dimostrato come il costo complessivo dello spreco, sia ambientale che economico, degli alimenti sprecati fosse superiore a quello del cibo mangiato (perché anche smaltire costa, e consuma risorse). 

Per questo le ricercatrici dei Dipartimenti di Economia agricola e del consumo (ACE) e di Scienze alimentari e nutrizione umana hanno pensato a un approccio diverso, che puntasse sulla quantità di cibo mangiata in mensa, spesso eccessiva e, di conseguenza, in parte sprecata. E, per diminuire le porzioni, questa volta hanno modificato la forma dei piatti, che da tonda è diventata ovale, con una minore superficie disponibile per il cibo.

mensa ristorazione
Cambiare la forma dei piatti usati nelle mense può contribuire a ridurre lo spreco alimentare

Come hanno poi raccontato su Resources, Conservation and Recycling hanno utilizzato due mense self service in modalità all you can eat del campus per un test in condizioni reali, e hanno proposto lo stesso menu mettendo a disposizione piatti tondi, come al solito, oppure ovali. Dopo che gli avventori avevano deciso liberamente, li hanno avvicinati a uno a uno e hanno chiesto loro di fotografare il piatto scelto, pesarlo e rispondere a qualche domanda. 

Alla fine hanno raccolto più di 1.200 osservazioni e dimostrato che chi aveva optato per il piatto ovale ha scelto (318 grammi, in media, contro 359,9), consumato (280,5 contro 302,9 grammi) e sprecato (37,5 contro 57 grammi) molto di meno: l’11,8%, contro il 15,8% rispetto a chi si è orientato sul piatto classico, anche quando si prendeva un bis. Tradotto in peso, chi aveva il piatto ovale per ogni piatto ha sprecato circa 20 grammi di cibo in meno: può sembrare poco, ma moltiplicato per migliaia di piatti serviti ogni giorno può fare una differenza rilevante. 

Offrire meno cibo con questo espediente, anche se comporta una spesa iniziale per il cambio dei piatti, può aiutare a ridurre lo spreco e a mangiare di meno. Se poi – concludono gli autori – a ciò si aggiungono campagne educazionali, l’effetto può essere ancora più marcato, e forse durevole.

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

bere acqua

Acqua potabile dall’aria di Tel Aviv: una fonte sicura per i Paesi delle zone più aride del pianeta?

L’acqua potabile del futuro potrebbe arrivare da una fonte finora sfruttata pochissimo: l’atmosfera, che ne …

Un commento

  1. Avatar

    Forse anche adeguando il quantitativo di cibo in base all’età e al relativo bisogno nutrizionale non sarebbe male…