Home / Pianeta / Spreco alimentare, un terzo della frutta e verdura in Europa viene buttata. Allo studio metodi per ridurre le perdite e valorizzare gli scarti

Spreco alimentare, un terzo della frutta e verdura in Europa viene buttata. Allo studio metodi per ridurre le perdite e valorizzare gli scarti

spreco muffaOgni anno in Europa si sprecano 88 milioni di tonnellate di vegetali tra frutta e verdura, per un costo complessivo di 143 miliardi di euro. Ciascun cittadino europeo ne spreca 35,3 chili, 14,2 dei quali potrebbero essere tranquillamente mangiati. La situazione, dunque, non è affatto positiva anche se, per fortuna, c’è molto spazio per migliorare.

Questo, in sintesi, è il messaggio che emerge da uno studio appena pubblicato su Waste Management dal Direttorato delle risorse sostenibili della Commissione europea di Ispra. Nello specifico, le ricercatrici Serenella Sara, Valeria de Laurentiis e Sara Corrado hanno creato un modello per stimare lo spreco di 51 vegetali acquistati in sei paesi europei (Germania, Spagna, Danimarca, Olanda, Finlandia e Gran Bretagna) nel 2010, suddividendo poi i valori trovati in spreco evitabile (AW) e non evitabile (UW).

In base ai dati raccolti, ogni anno ciascun europeo produce 21,1 kg di sprechi non evitabili, per esempio provenienti dalle bucce dei vegetali, e 14,2 kg di sprechi che invece potrebbero essere scongiurati, associati soprattutto alla deperibilità dei prodotti e alle date di scadenza. In totale circa il 29% (pari appunto a 35,3 kg per persona) della frutta e della verdura acquistata in Europa viene buttato, ma almeno il 12% di questo patrimonio potrebbe essere consumato o utilizzato in altro modo.

Osservando i diversi tipi di alimenti, si nota poi che, per quanto riguarda la frutta, tra le fonti di rifiuti non evitabili le più rappresentate sono le banane (29%), seguite dalle mele (26%) e dalle arance (14%), mentre per le verdure, le patate sono le protagoniste assolute con il 36% del totale, seguite da piselli, cavoli, carote cetrioli e altri ortaggi, attorno al 10%. 

patate sbucciare preparare
Lo spreco non evitabile proviene in larga parte dalla buccia, dai semi e dai torsoli di frutta e verdura

Dal confronto della situazione nei diversi paesi emergono alcuni aspetti molto interessanti, perché non tutti gli europei si comportano allo stesso modo. Per esempio, nonostante in Gran Bretagna gli acquisti pro capite siano inferiori rispetto alla Germania, lo spreco non evitabile è praticamente uguale, mentre quello evitabile è superiore. Ciò significa che i cittadini britannici sono forse meno attenti tanto alla salute quanto al portafoglio, visto che sprecano di più pur acquistando di meno. In generale, risulta confermata la legge non scritta secondo la quale lo spreco tende a ridursi laddove i cittadini sono più istruiti e più benestanti, nonostante la quantità di frutta e verdura sia maggiore.

In che modo si può evitare che il cibo venga buttato? La risposta si trova nel Sustainable Development Goal (SDG) 12,3, che ha come obiettivo il dimezzamento dello spreco  da parte dei consumatori e  dei rivenditori entro il 2030. 

Tra gli strumenti individuati dalla Commissione i principali sono:

  • L’elaborazione, entro marzo 2019, di una metodologia comune a tutti gli stati membri per misurare in modo omogeneo e affidabile lo spreco di cibo.
  • L’utilizzo dello strumento chiamato EU Platform on Food Losses and Food Waste, attivo già dal 2016, che mette insieme le organizzazioni internazionali, gli organismi europei, gli stati membri e tutti gli attori della catena alimentare, uniti nello sforzo di individuare strategie efficaci per ridurre lo spreco, facilitare la cooperazione nel settore, analizzare l’efficacia delle misure adottate e condividere i risultati e le strategie.
  • L’adozione di linee guida europee per la donazione di cibo e la valorizzazione di tutto ciò che non può essere più utilizzato come alimento , ma che in molti casi può essere ancora impiegato nell’alimentazione animale (avendo ovviamente cura di farlo in sicurezza).
  • Il miglioramento delle diciture sulle etichettature, in particolare per quanto riguarda la data di scadenza.
Spremuta d arancia bucce pastazzo
Un gruppo di ricercatori ha realizzato un polimero per la conservazione alimentare a partire dallo scarto di crostacei, frutta e verdura

UN esempio di che cosa si potrebbe fare con il cibo sprecato in Europa, e non solo, è arrivato dai ricercatori del Georgia Institute of Technology statunitense, dove è stato realizzato un polimero che sfrutta scarti dei crostacei e di frutta e verdura. Il polimero ha una resistenza alla penetrazione dell’ossigeno fino al 67% superiore a quella del PET, il materiale derivato dal petrolio più usato nel confezionamento dei cibi e delle bevande, e potrebbe assicurare una vita più lunga a innumerevoli alimenti.

Come riferito su ACS Sustainable Chemistry and Engineering, il film del polimero è stato ricavato assemblando le nanofibre della chitina dei crostacei (ma anche degli insetti e di molte conchiglie), che sono cariche positivamente dal punto di vista elettrico, con i nanocristalli della cellulosa ricavata da vegetali, cariche negativamente, posizionati  in strati alternati. La tecnica usata ha permesso di ottenere un materiale molto resistente ai gas grazie alla sua struttura cristallina, molto più regolare e compatta rispetto a quella del PET, che presenta ampie zone amorfe o solo semi-cristalline.

Il processo va ottimizzato, soprattutto per quanto riguarda la produzione di grandi quantità di nanofibre di chitina su scala industriale, perché i costi sono ancora elevati rispetto al PET, ma quando ciò avverrà, le plastiche per alimenti derivate dal petrolio potrebbero avere un impiego minore e vista la diffusione delle plastiche per packaging nel settore alimentare, lo spreco non evitabile di vegetali potrebbe ridursi sensibilmente.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

African Children Holding Hands Cupped To Beg Help. Poor African children keeping their cupped hands, asking for help. African children suffer from poverty, diseases, water scarcity and malnutrition.

Aumenta la fame nel mondo: 821 milioni di persone sottonutrite. Il cambiamento climatico è il maggiore responsabile

821 milioni di persone nel mondo soffrono la fame, quasi una su nove. È questo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *