Home / Supermercato / Fare la spesa a Roma: per Altroconsumo si possono risparmiare 1.300 euro, basta scegliere il supermercato giusto

Fare la spesa a Roma: per Altroconsumo si possono risparmiare 1.300 euro, basta scegliere il supermercato giusto

spesa supermercato 158173921A Roma, secondo la classifica dei supermercati più convenienti pubblicata in questi giorni da Altroconsumo, il primo posto del risparmio spetta all’ipermercato Auchan di via Alberto Lionello. Si tratta del punto vendita meno caro, selezionato tra gli oltre 50 visitati dai rilevatori della rivista (vedi tabella). In seconda posizione troviamo il capolista dell’anno scorso, l’iper Leclerc Conad di via Arola più cara del 2%, mentre il terzo posto è occupato dall’Ipercoop di via Casilina. In fondo alla classifica c’è Billa situato in via Trionfale e il Supermercato Olgiata di via Anton Giulio Bragaglia, con un rincaro rispettivamente del 18 e del 21%.

 

La Capitale si colloca tra le sei città più costose, visto che una famiglia per fare la spesa necessita di circa 6.600 euro l’anno rispetto alla media nazionale. Esiste però la possibilità di risparmiare fino a 1.300 euro scegliendo i punti vendita più economici.

 

spesa supermercato 159359747Un elemento che balza subito all’occhio osservando la tabella è che i supermercati della stessa catena non applicano il medesimo listino. Si tratta di un’anomalia apparente, perchè i prezzi di ogni punto vendita sono stabiliti in base al livello di concorrenza. Quando il supermercato è l’unico presente nel quartiere, oppure è situato nelle vicinanze del centro cittadino i listini lievitano, mentre quando nella zona ci sono più insegne e magari nei paraggi c’è un hard discount allora i prezzi scendono.

 

Per correttezza va detto che il paniere di riferimento considerato è composto da prodotti di marca, alimentari e non, appartenenti a un centinaio di tipologie (biscotti, frutta, detersivi, bibite, acqua minerale oltre a prodotti freschi come frutta, verdura, carne e salumi).

I valori riportati nelle tabelle sono indici, questo vuol dire che il negozio più economico ha un valore pari a 100, mentre gli altri applicano listini più cari e quindi hanno indici superiori. Per esempio, l’indice 109 vuol dire che la spesa in quel negozio costa il 9% in più rispetto al punto vendita più economico riscontrato a Roma che ha indice 100.

 

Valeria Nardi

 

tab roma altroconsumo supermercati 2013 Atab roma altroconsumo supermercato 2013 B

© Riproduzione riservata

Foto e tabelle: Altroconsumo.it, Photos.com

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Conad compra i supermercati Auchan e Simply e passa da 3200 a 4800 punti vendita in Italia

Conad, che in Italia rappresenta la più ampia organizzazione di imprenditori indipendenti del commercio al …

3 Commenti

  1. sarebbe bello un confronto fra i prezzi auchan primo prezzo/marchio auchan e quelli lidl eurospin todis e tuodì che sono sparsi in zona all’auchan di via lionesso

  2. Un confronto con Todis? Qui a Roma è molto conosciuto e anche piuttosto diffuso!

    • Roberto La Pira

      Altroconsumo pubblicherà tra poche settimane una seconda’inchiesta dove prenderà in esame i punti vendita discount e l’elenco potrebbe includere anche la catena Todis.