Home / Efsa / Solfiti nel vino, per l’EFSA sono sicuri, ma sarebbe opportuno indicare la quantità precisa in etichetta per tutelare meglio le persone intolleranti

Solfiti nel vino, per l’EFSA sono sicuri, ma sarebbe opportuno indicare la quantità precisa in etichetta per tutelare meglio le persone intolleranti

vino solfiti 156721998
Efsa ha completato la valutazione della sicurezza di sette solfiti, utilizzati comunemente come additivi

L’European Food Safety Authority (Efsa) ha completato il dossier sulla  sicurezza dei solfiti utilizzati come additivi nel processo di vinificazione per regolamentare  la fermentazione, e anche in altri prodotti. Dopo una prima revisione condotta analizzando i più recenti studi scientifici, l’Efsa ha confermato la sicurezza di questi additivi, ritenendo ancora valida l’attuale dose giornaliera ammissibile (DGA) di 0,7 g/kg.

Questa  soglia è da ritenersi temporanea: visto che l’autorità  ha chiesto alla comunità scientifica nuovi dati sulla tossicità, per colmare alcune lacune. Il gruppo di esperti dovrà di riesaminare i dati fra cinque anni.

La carenza di dati aggiornati non riguarda solo i solfiti, ma anche molti altri additivi alimentari che l’Efsa, su mandato dell’Unione Europea deve rivedere periodicamente. Per ovviare alla situazione  l’Efsa da tempo pubblica bandi di ricerca chiedendo la collaborazione delle aziende che utilizzano additivi.

etichetta glutine cibo 200464106-001
Indicando in etichetta una quantità precisa di solfiti, si aiutano le persone sensibili o intolleranti ai solfiti a scegliere meglio i prodotti.

L’Efsa invita  le aziende ad indicare sull’etichetta l’esatto quantitativo di solfiti. L’attuale normativa prevede la semplice dicitura “contiene solfiti” quando la presenza supera i  10 mg per chilo o litro. Se però si riporta il quantitativo preciso, si viene incontro alle esigenze delle persone intolleranti  che così potrebbero scegliere con più cognizione.

 

 

Fashion glasses style plastic-framed isolated on white background.

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Nutritionist doctor writing diet plan on table

Cresce la banca dati Efsa sulle abitudini alimentari degli europei. Aggiunti i risultati di nove nuovi studi da sei paesi

Dal 2005 l’Efsa lavora per raccogliere dati sulle abitudini alimentari degli europei. In un primo …

2 Commenti

  1. Avatar

    In base alle normative vigenti, un vino con 11mg/kg di solfiti, a nostra insaputa, è uguale ad un’altro con 50mg/kg?
    E l’analisi che scopre la differenza, consiste nel mal di testa del consumatore?
    Penso si possa e si debba fare decisamente di meglio per tutelare la salute pubblica.

  2. Avatar

    ma non ci sono delle tecniche, oggigiorno, che consentono di minimizzare ulteriormente, o addirittura escludere, il ricorso ai solfiti, con tecniche del tutto naturali basate sull’azione dei polifenoli e, mi sembra, anche con una tecnica del controllo dell’ossigenazione durante la vinificazione o l’invecchiamento? conosco già dei vini senza, o con solo tracce, di solfiti, in produzione da almeno 7-8 anni.