Home / Efsa / L’Efsa si prepara a rivalutare gli ftalati. Previste per luglio 2023 le nuove conclusioni sul glifosato

L’Efsa si prepara a rivalutare gli ftalati. Previste per luglio 2023 le nuove conclusioni sul glifosato

pellicola plasticaMentre i lavori di rivalutazione del glifosato si allungano, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) annuncia l’intenzione di riesaminare i rischi per la salute legati a ftalati e altri plastificanti, su richiesta della Commissione europea. I lavori dell’Efsa si concentreranno sulle sostanze plastificanti utilizzate in diversi tipi di materiali a contatto con gli alimenti (Moca), come plastica, gomma e inchiostri, e impiegate lungo tutta la catena di produzione e consumo, dai macchinari per la lavorazione agli imballaggi del prodotto finito. In un primo momento, gli esperti europei si dedicheranno alla definizione di un protocollo per valutare il livello di esposizione dei consumatori e solo in un secondo momento arriveranno le valutazioni complete dei rischi.

Nel frattempo, l’Efsa fa sapere di aver definito le nuove tempistiche per il completamento della rivalutazione del glifosato, in seguito al numero ‘senza precedenti’ di contributi ricevuti durante le consultazioni pubbliche che si sono chiuse le scorso 21 novembre 2021. A questi si aggiungono le risposte del Gruppo per il rinnovo del glifosato, che nel dicembre 2019 ha presentato la domanda ri-autorizzazione dell’erbicida, pervenute in seguito alla richiesta di informazioni supplementari da parte dell’Efsa.

L’Efsa ha comunicato le nuove tempistiche per la procedura di ri-autorizzazione dell’erbicida glifosato

L’Autorità europea ha ricevuto 368 risposte nel corso della consultazione pubblica, e circa 2.400 osservazioni da parte di esperti degli Stati membri e del Gruppo per il rinnovo del glifosato. Tutti questi contributi hanno prodotto un fascicolo di circa 3mila pagine, che dovrà essere esaminato dal richiedente e successivamente da Gruppo di valutazione del glifosato, costituito da quattro stati membri: Francia, Ungheria, Paesi Bassi e Svezia.

Il prossimo step di questo lungo processo è previsto per il 30 maggio-3 giugno, quando si terrà una riunione del Comitato per la valutazione dei rischi dell’Echa (Agenzia europea per le sostanze chimiche), durante la quale si discuterà una nuova classificazione del glifosato, prendendo in considerazione la cancerogenicità, la genotissicità, la tossicità per lo sviluppo e per la riproduzione, nonché la classificazione ambientale del controverso erbicida. Il parere sarà poi pubblicato tra la fine di luglio e la metà agosto 2022. L’Efsa prevede di tenere le riunioni per la revisione paritaria sui pesticidi con gli esperti degli Stati membri a novembre e dicembre 2022 e completare le sue conclusioni nel luglio 2023

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

maiale biologico

Peste suina africana: rischi più alti per i maiali allevati all’aperto. Il documento con le raccomandazioni dell’Efsa

L’allevamento di suini all’aperto è tradizionalmente molto comune in diverse zone d’Europa. Se non addirittura …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *