Home / Controlli e Frodi / Sicilia, contaminato il 25% del ghiaccio alimentare controllato. La Regione: è solo un campione, nessun allarme per la salute pubblica

Sicilia, contaminato il 25% del ghiaccio alimentare controllato. La Regione: è solo un campione, nessun allarme per la salute pubblica

Glasses with soda and ice cubesSulla sicurezza del ghiaccio alimentare in Sicilia, nei giorni scorsi l’Istituto nazionale del ghiaccio alimentare (Inga) ha lanciato un allarme che la Regione ha cercato di fare rientrare. Il caso ha comunque focalizzato l’attenzione su un settore trascurato per quanto riguarda i controlli, tanto è vero che la Sicilia è l’unica Regione ad avere un piano di verifiche sul territorio. L’Inga ha presentato insieme alla Regione i risultati di un’analisi condotta su 125 operatori del settore alimentare da cui è emerso “che il 25% produce e utilizza ghiaccio contaminato. Un problema che non riguarda solo la Sicilia ma l’Italia intera. Sono ancora troppo pochi gli operatori che non ripongono la giusta attenzione al ghiaccio alimentare. L’allarme era stato lanciato già nel giugno del 2016”, ha ricordato l’Inga in un comunicato.

Immediata la reazione della Regione, che ha emesso a sua volta un comunicato, in cui la dirigente dell’Osservatorio epidemiologico dell’Assessorato per la Salute, Maria Letizia Diliberti, sostiene che “non risulta allo stato attuale alcun allarme sulla produzione di ghiaccio alimentare prodotto nell’Isola che possa arrecare danno alla salute pubblica, né risultano avviati di conseguenza controlli straordinari”. Il comunicato afferma che, “rispetto ai 248 OSA (Operatori del Settore Alimentare) che auto producono ghiaccio, 125 sono stati esaminati e 31, il 25% del campione, non degli operatori nell’isola, sono risultati non conformi”.

versare bevanda analcolica nel bicchiere di vetro
In Sicilia, il 25% dei campioni di ghiaccio alimentare autoprodotto analizzato è risultato contaminato

Dal comunicato della Regione potrebbe sembrare che gli operatori del settore alimentare siano 248, ma non è così. Secondo la Fipe Sicilia gli interessati alla produzione di ghiaccio sono 15 mila e comprendono oltre ai bar,  lidi balneari, ristoranti, discoteche e pub. Il numero 248 rappresenta un campione di operatori, suddivisi per provincia, che dovevano essere controllati entro il 2017 in base a una delibera regionale dell’agosto scorso. Perché ne siano stati controllati solo 125, la Regione non lo spiega.

Resta il fatto che la Regione Sicilia dichiara di essere l’unica ad avere un proprio piano di controlli, sebbene l’Organizzazione mondiale della sanità abbia indicato sin dal 2006, il ghiaccio con un alimento a rischio contaminazione da parte di microrganismi e sostanze chimiche. Per controllare il problema  nel 2015 è stato redatto un “Manuale di corretta prassi operativa per la produzione di ghiaccio alimentare”, inserito dal ministero della Salute tra i Manuali di corretta prassi igienica.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

donna pesce

Un terzo del pesce venduto in Canada ha un’etichetta non veritiera. Errori in tutta la filiera

Anche il Canada ha un problema rilevante con l’etichettatura del pesce. Una ricerca condotta dall’Università …

2 Commenti

  1. Da cosa é risultato contaminato il ghiaccio? Quali microrganismi e o sostanze chimiche?

    • Valeria Nardi

      Nel comunicato stampa non erano riferiti i dettagli. In generale sul sito dell’INGA si legge: ““Il ghiaccio non ha un effetto battericida sugli organismi. Anche se è in grado di modificarne il metabolismo e le capacita di sviluppo, non porta alla loro completa eliminazione. Alcune di queste cellule possono ricostituirsi durante le fasi di scongelamento e generare microorganismi nuovamente vitali.
      Il ghiaccio è una delle cause di infezioni e gastroenteriti contratte durante i viaggi in alcuni paesi al mondo
      Numerosi studi e indagini effettuate dalle autorità sanitarie nazionali e mondiali (Ministero della Salute Italiano, EFSA, OMS, FDA) in diverse nazioni, comprese l’Italia e paesi europei, hanno dimostrato che il ghiaccio può essere contaminato da varie specie di batteri, quali Coliformi, Enterobatteri, E.Coli, tutte specie potenzialmente patogene per l’uomo.
      Tali microrganismi possono essere presenti nel ghiaccio principalmente per due motivi:
      – Utilizzo di acqua contaminata, non idonea al consumo umano per la produzione di ghiaccio
      – Mancato rispetto di corrette prassi igieniche durante la produzione, lo stoccaggio e la manipolazione/utilizzo.””