Home / Etichette & Prodotti / Segnalare l’eccesso di zucchero sui menu aiuta i consumatori a fare scelte più salutari

Segnalare l’eccesso di zucchero sui menu aiuta i consumatori a fare scelte più salutari

Donna indica a cameriere un piatto sul menu del ristoranteLa lotta all’obesità e alle altre malattie legate a una cattiva alimentazione passa anche attraverso la riduzione del consumo di zuccheri aggiunti negli alimenti confezionati e anche  in quelli serviti nei ristoranti. Tuttavia, mentre la maggior parte degli stati impone ormai l’indicazione degli zuccheri nei prodotti industriali, quasi nessuno ha regole specifiche per la ristorazione, e questo contribuisce ad incrementare le calorie assunte inconsapevolmente. I ricercatori dell’Università della California di Davis hanno voluto condurre un esperimento che trae ispirazione da ciò che si fa con il sale in città come Filadelfia e New York, ovvero testare l’efficacia della segnalazione sui menu di una quantità eccessiva di zuccheri aggiunti, con icone e brevi messaggi di testo.

A tale scopo hanno creato sei tipi di icone studiate per richiamare l’attenzione e segnalare un rischio. Alcuni modelli di menu contenevano avvertenze evidenziate con un punto esclamativo oppure con diciture di allerta relative alla quantità eccessiva di zucchero (vedi foto sotto). Come riferito su Preventive Medicine, a quel punto ricercatori hanno selezionato oltre 1.300 tra uomini e donne adulti, e hanno chiesto loro di rispondere a un questionario sull’efficacia del messaggio e di valutare la qualità del piatto proposto (avendo cura di sottoporre a una parte del campione un’etichetta di controllo con un semplice codice QR che non conteneva alcuna indicazione sugli zuccheri).

Esempi di sugar warning per piatti con eccesso di zuccheri aggiunti sui menu proposte dall'Università della California Davis
A sinistra il menu di controllo con QR code, al centro menu con le sole icone e a destra menu con icone e frase di allerta

Il risultato è stato molto positivo, perché l’80% di chi aveva visto l’etichetta ha riferito di apprezzare la novità e, soprattutto, il 71% ha classificato correttamente i piatti indicati nel  menu, contro il 56% del gruppo di controllo. È quindi emersa una differenza significativa tra i menu di controllo e quelli con la segnalazione degli zuccheri, mentre non ve ne sono state di rilevanti tra le icone da sole e quelle accompagnate da un testo, segno evidente che un disegno ben progettato raggiunge l’obiettivo. Lo scopo della prova è duplice: aiutare i clienti dei ristoranti a fare scelte più consapevoli e convincere i ristoratori ad ampliare la scelta di pietanze a basso contenuto di zuccheri aggiunti. Analogamente – pensano gli autori – vedere sul menu che una bevanda dolce può contenere una quantità di zucchero superiore a quella che si dovrebbe assumere durante tutta la giornata, aiuta a preferire l’acqua o, comunque, bevande meno caloriche. Sarebbe comunque opportuno effettuare studi in situazioni reali, per verificare se davvero l’indicazione sia efficace, e quanto. La città di New York si è già mossa in questa direzione, con una normativa che riguarda le catene più grandi che offrono cibo confezionato, obbligate a indicare la presenza di zuccheri aggiunti, e la discussione è in corso in tutto il paese.

© Riproduzione riservata Foto: iStock, Depositphotos, UC Davis

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Pizza Margherita

Il “mozzarella cheese” di tipo americano è il formaggio più usato per la pizza… anche in Italia

Una ‘leggenda’ che circolava qualche decennio fa racconta di un giovanotto americano che, arrivato in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *