;
Home / Benessere animale / Nuove gabbie di gestazione per le scrofe che devono partorire, chiedono i veterinari

Nuove gabbie di gestazione per le scrofe che devono partorire, chiedono i veterinari

maialiLa Federazione dei veterinari europei (Fve) ha pubblicato un documento sulle gabbie di gestazione utilizzate negli allevamenti dalle scrofe per partorire. Il dossier ritiene “urgente” il passaggio a sistemi di allevamento più rispettosi degli animali salvaguardando il benessere delle scrofe e dei suinetti. Le gabbie di gestazione sono state introdotte negli anni ’60 per ridurre la mortalità dei suinetti, ma limitano significativamente il comportamento innato della scrofa e compromettono il suo benessere. Il position paper sui maiali è stato approvato dalla Assemblea Generale dei Veterinari Europei il 21 novembre scorso ed è ora pubblicato.

Per il benessere delle scrofe esistono da tempo sistemi alternativi tecnologicamente appropriati, economicamente sostenibili e socialmente accettabili.  In vari Paesi Europei sono già disponibili e utilizzati dei sistemi di allevamento alternativi per i maiali. In ogni caso – osserva la Fve – è necessaria una buona interazione tra l’allevatore e il veterinario per garantire la scelta migliore. Inoltre, occorre prevedere un tempo di transizione accettabile verso il superamento delle gabbie di gestazione, anche con eventuali fasi intermedie e di graduale trasformazione gestionale. Agli allevatori, conclude il documento, dovrebbe essere assicurato un adeguato supporto.

La Fve ha individuato alcune aree di azione per il benessere animale che comprendono una valutazione complessiva della situazione nell’allevamento e l’attivarsi da parte del professionista per essere parte attiva nell’applicazione del benessere.

© Riproduzione riservata

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Pulcini maschi: la Camera approva lo stop all’abbattimento selettivo. La proposta passa al Senato

Ieri, 16 dicembre, la Camera dei deputati ha approvato l’emendamento che prevede, entro la fine …

3 Commenti

  1. Avatar

    Che tristezza vedere una foto così che imprime l immagine di un suino in condizioni di vita inaccettabili..

  2. Avatar

    Molto bla bla bla.

    Rispettare gli animali e salvaguardare il loro benessere significa tutta altra cosa, non gabbie più grandi o tecnologie economicamente sostenibili (redditizie)

    • Avatar

      Bravo, sono completamente d’accordo! Non è giusto trattare gli animali solo pensando al profitto economico. Almeno trattarli in un modo consono al loro benessere anche se poi finiranno in prosciutti.!