Home / Richiami e ritiri / Rischio microbiologico: richiamati tramezzini da Penny Market e porchetta di Ariccia da Iperal

Rischio microbiologico: richiamati tramezzini da Penny Market e porchetta di Ariccia da Iperal

tramezzini salmone maionese allegri saporiPenny Market e il ministero della Salute hanno segnalato il richiamo da parte del produttore di due lotti di tramezzini salmone e maionese a marchio Gli Allegri Sapori di Penny Market per la presenza di Listeria monocytogenes. Il prodotto in questione è venduto in confezioni da 140 grammi con i numeri di lotto 22952-1 e 22952-2 e la data di scadenza 10/10/2022.

I tramezzini richiamati sono stati prodotti per Penny Market Srl dall’azienda Laboratorio Gastronomico Due A.A. Srl nello stabilimento di via Galvani 5/7 a Sedriano, nella città metropolitana di Milano (marchio di identificazione IT 9-2907L CE).

porchetta di aricchia selezioni iperal

Aggiornamento del 14 ottobre 2022: il richiamoil ministero della Salute ha segnalato di altri lotti di porchetta di Ariccia Igp Selezioni Alta Qualità Iperal, rivelando che la ragione del provvedimento è la possibile presenza di Listeria.

Iperal e il ministero hanno diffuso anche il richiamo da parte del produttore di un lotto di porchetta di Ariccia Igp a marchio Selezioni Alta Qualità Iperal per una non conformità di tipo microbiologico. Il prodotto interessato è venduto in vaschette da 90 grammi con il numero di lotto V233557 con la data di scadenza 14/10/2022.

La porchetta richiamata per Supermercati Iperal Spa dall’azienda Prosciuttificio San Michele Srl nello stabilimento di Lesignano de’ Bagni, in provincia di Parma (marchio di identificazione CE IT 1019L).

A scopo precauzionale, si raccomanda di non consumare i prodotti con le scadenze e i numeri di lotto segnalati e restituirli al punto vendita d’acquisto per il rimborso o la sostituzione.

Dal primo gennaio 2022 Il Fatto Alimentare ha segnalato 125 richiami, per un totale di 241 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: AdobeStock (copertina), Penny Market, Iperal

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.
Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Positività a Salmonella Typhimurium: richiamato salame stagionato

Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo da parte del produttore di un lotto …

Un commento

  1. vorrei segnalare che nel modulo ministeriale del richiamo della porchetta di Ariccia IGP c’è scritto genericamente “non conformità microbiologica” e ciò non è corretto da un punto di vista normativo.
    inoltre vorrei capire come può essere identificato come produttore una ditta di Parma…. quando Ariccia è in provincia di Roma. Capisco che una fase della produzione può essere altrove ma ricordo che la denominazione IGP ” identifica un prodotto originario di una regione e di un paese le cui qualità, reputazione e caratteristiche si possono ricondurre all’origine geografica e di cui almeno una fase della produzione, trasformazione ed elaborazione avvenga nell’area delimitata.”