Porchetta di maiale tagliata su un tavolo

porchetta di aricchia selezioni iperalIl ministero della Salute ha segnalato il richiamo precauzionale di altri lotti di porchetta di Ariccia Igp a marchio Selezioni Alta Qualità Iperal, rivelando che il provvedimento è dovuto alla possibile presenza di Listeria monocytogenes. Sono coinvolte le confezioni da 90 grammi con i numeri di lotto V232134, V232703, V233395, V234224, V234230, V235970 e V236049 con le date di scadenza fino al 30/10/2022.

La porchetta richiamata è stata prodotta per Supermercati Iperal Spa dall’azienda Prosciuttificio San Michele Srl nello stabilimento di Lesignano de’ Bagni, in provincia di Parma (marchio di identificazione CE IT 1019L).

In precedenza, Iperal e il ministero della Salute avevano già segnalato il richiamo del lotto numero V233557 con la data di scadenza 14/10/2022, senza attribuire il provvedimento alla possibile presenza di Listeria e indicando come motivazione una generica non conformità di tipo microbiologico.

Il ministero della Salute ed Eataly hanno segnalato anche il richiamo precauzionale da parte del produttore di un lotto di pesto di finocchietto selvatico a marchio Alicos perché sussiste il rischio grave di una potenziale proliferazione di flora batterica pericolosa (Clostridium botulinum) dovuta un non corretta acidificazione del prodotto. I vasetti interessati sono quelli da 190 grammi con il numero di lotto 15ST22 e il termine minimo di conservazione (Tmc) 15/09/2024.

pesto finocchietto selvatico alicosEataly e Alicos Srl rendono noto che il richiamo interessa i punti vendita di Torino Lingotto, Bologna, Bologna Fico, Firenze, Genova e Milano.

Lidl, invece, ha pubblicato il richiamo precauzionale da parte del produttore di alcuni lotti di mandorle fritte con zucchero, miele e sale a marchio Sol&Mar per la possibile contaminazione da corpi estranei metallici. Il provvedimento è stato segnalato anche dal ministero della Salute, dopo alcuni giorni (aggiornamento del 18 ottobre 2022). Il prodotto in questione è venduto in confezioni da 150 grammi appartenente ai lotti 1114186 con Tmc 05/04/2023, 1114407 con Tmc 02/05/2023 e 1114543 con Tmc 19/05/2023.

mandorle fritte Sol&Mar LidlLe mandorle fritte richiamate sono state confezionate per Lidl Italia Srl dall’azienda Borges Agricultural & Industrial Nuts SA, nello stabilimento di calle Flix 49 a Reus, nella provincia di Tarragona, in Spagna. Per ulteriori informazioni è possibile contattare Lidl a numero verde 800 480048.

Dal primo gennaio 2022 Il Fatto Alimentare ha segnalato 133 richiami, per un totale di 249 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos (copertina), Iperal, Eataly, Lidl

Siamo un sito di giornalisti indipendenti senza un editore e senza conflitti di interesse. Da 13 anni ci occupiamo di alimenti, etichette, nutrizione, prezzi, allerte e sicurezza. L'accesso al sito è gratuito. Questo è possibile grazie anche ai lettori che ogni giorno ci seguono e supportano. Sostienici anche tu, basta un minuto.

Dona ora

Giulia Crepaldi - 14 Ottobre 2022
0 0 voti
Vota
6 Commenti
Feedbacks
Vedi tutti i commenti
morellini stefano
morellini stefano
15 Ottobre 2022 11:45

Ma la vogliamo smettere con queste prese per in giro? Porchetta DI ARICCIA prodotta (NON nella zona geografica come lascerebbe supporre il marchio IGP), ma in provincia di Parma!

EVO
EVO
Reply to  morellini stefano
18 Ottobre 2022 03:52

Il mondo della Alimentazione ormai è un bordello… Le consiglio ad ogni modo di approfondire la differenza tra DOP ed IGP. Credo che si farà di meno il fegato marcio.

matteo
matteo
Reply to  morellini stefano
18 Ottobre 2022 08:47

avevo sottolineato anche io questa cosa perché sembrerebbe solo “confezionata a Parma”. tuttavia è una bella domanda alla quale chi darà mai risposta?

Mauro De Angelis
Mauro De Angelis
18 Ottobre 2022 01:43

Perché invece di scrivere per forza un articolo con un titolo a sensazione non si informa meglio? La porchetta di Ariccia può essere prodotta solo nel nostro territorio in quanto dotata di marchio IGP. Quindi si tratta di contraffazione bella e buona. Intanto domani farò il suo nome all’amministrazione comunale per tutelarci da divulgazione di notizie false e ingiustificato allarme. .

Valeria Nardi
Reply to  Mauro De Angelis
18 Ottobre 2022 09:34

La notizia è ufficiale e pubblicata sul sito del Ministero della Salute. Sulla confezione c’è il marchio IGP e l’indicazione dello stabilimento può indicare anche solo il luogo di ultima trasformazione: porzionamento o confezionamento.

matteo
matteo
Reply to  Mauro De Angelis
18 Ottobre 2022 09:38

attenzione. come avevo scritto nei commenti della prima segnalazione:

– vorrei capire come può essere identificato come produttore una ditta di Parma…. quando Ariccia è in provincia di Roma. Capisco che una fase della produzione può essere altrove ma ricordo che la denominazione IGP ” identifica un prodotto originario di una regione e di un paese le cui qualità, reputazione e caratteristiche si possono ricondurre all’origine geografica e di cui almeno una fase della produzione, trasformazione ed elaborazione avvenga nell’area delimitata.”