Home / Richiami e ritiri / Carrefour richiama barrette di farro bio: presenza di solfiti non dichiarati in etichetta

Carrefour richiama barrette di farro bio: presenza di solfiti non dichiarati in etichetta

barrette farro mirtilli rossi granella nocciole cannella carrefour bioI supermercati Carrefour hanno richiamato un lotto di barrette di fiocchi di farro e farro soffiato con mirtilli rossi, granella di nocciole e cannella a marchio Carrefour Bio perché è stata riscontrata la presenza di solfiti (23 +/- 6 mg/kg) non dichiarati in etichetta. Il prodotto in questione è venduto in scatole da 125 grammi (5×25 grammi) con il numero di lotto 1812 e il termine minimo di conservazione (Tmc) 23/12/2023.

Le barrette di farro richiamate sono state prodotte per Carrefour GS Spa dall’azienda Poggio del Farro Srl, nello stabilimento di via Bruscoli Cerdello 317/A a Firenzuola, nella città metropolitana di Firenze.

A scopo precauzionale, si raccomanda alle persone allergiche a solfiti di non consumare le barrette con il numero di lotto segnalato. Il prodotto è sicuro per i consumatori e le consumatrici che non soffrono di allergia ai solfiti.

Dal primo gennaio 2022 Il Fatto Alimentare ha segnalato 122 richiami, per un totale di 238 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos (copertina), Carrefour

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.
Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Positività a Salmonella Typhimurium: richiamato salame stagionato

Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo da parte del produttore di un lotto …

3 Commenti

  1. Al di là dell’allergenicità, il prodotto va richiamato anche in base agli articoli 28 (Misure precauzionali volte a evitare la presenza di prodotti e sostanze non autorizzati) e 29 (Misure da adottare in caso di presenza di prodotti o sostanze non autorizzati) del regolamento (UE) 2018/848 del 30 maggio 2018 relativo alla produzione biologica e all’etichettatura dei prodotti biologici.

    Dato che i solfiti non vi sono ammessi come additivi, la barretta non può essere immessa sul mercato con riferimento al metodo biologico; va informato immediatamente l’organismo di controllo, che è tenuto a condurre altrettanto immediatamente un’indagine ufficiale per determinare le fonti e la causa della presenza dei solfiti, che nel caso in questione non è ragionevole ritenere di fonte endogena.

  2. roberto pinton

    Non tanto dalle lavorazioni, quanto dal trattamento post raccolta.
    Pur non avendo elementi, i mirtilli rossi mi sembrano i più indiziati.
    L’uso di solfiti, vietato nella produzione biologica, è del tutto ammesso nella produzione convenzionale (in frutta a guscio e frutta secca fino a 500 mg/kg, in mele e pere secche fino a 600 mg(kg, in albicocche, pesche, uva, prugne e fichi secchi fino a 2.000 mg/kg, reg. UE n.1129/2011).
    Il contenuto rilevato (23 +/- 6 mg/kg) è coerente con la presunzione di utilizzo su un ingrediente presente in modesta quantità.