Home / Tecnologia e Test / Pulcini maschi: stop alla strage, i nuovi test promettono di individuare il sesso prima della schiusa delle uova

Pulcini maschi: stop alla strage, i nuovi test promettono di individuare il sesso prima della schiusa delle uova

pulcini
In arrivo nuovi test per riconoscere il sesso dei pulcini prima della schiusa

Si stano moltiplicando gli sforzi dei ricercatori per trovare soluzioni tecnologiche che permettano di riconoscere il sesso dei pulcini prima che le uova si schiudano, evitando così che milioni di maschi di galline ovaiole siano gassati o triturati appena dopo la nascita perché non utilizzabili.

I primi a proporre una tecnologia che potrebbe risolvere il problema, come abbiamo raccontato qualche mese fa su Il Fatto Alimentare sono stati i ricercatori dell’Università di Lipsia, che hanno annunciato per la fine del 2016 la messa a punto di un dispositivo basato sulla spettroscopia in grado di individuare le differenze di genere entro le prime 72 ore di sviluppo dell’embrione, permettendo così di eliminare gli embrioni maschi.

uova pulcini
Il test dell’Università di Lipsia individua il sesso del pulcino nelle prime 72 ore di incubazione

Adesso però sembra che i ricercatori tedeschi possano essere battuti sul tempo da un team olandese che ha annunciato di avere individuato dei biomarcatori che permetterebbero di identificare il sesso dei pulcini al nono giorno di incubazione, ossia circa dodici giorni prima della schiusa. In questo caso è necessario praticare sul guscio dell’uovo un minuscolo foro per raggiungere con un ago sottile la vescicola allantoidea, la sacca che contiene gli scarti prodotti dal metabolismo dell’embrione, prelevando le sostanze da analizzare, sulle quali l’azienda mantiene il riserbo per ragioni commerciali.

Secondo Wouter Bruins, il ricercatore di Leida che ha fondato In Ovo, una startup dedicata al progetto ( il sito http://project.inovo.nl/ racconta la storia con un divertente video) per il momento il test garantisce un’affidabilità del 95% che si spera di portare al 99% come si può leggere in un articolo apparso sul quotidiano britannico The Guardian. In Ovo sta lavorando in collaborazione con una società danese, la Senovo e può contare sul sostegno delle quattro principali aziende olandesi che gestiscono incubatoi: l’obiettivo è quello di mettere sul mercato il dispositivo entro il 2018. “Al momento” spiega Bruins, “ogni test costerebbe circa dieci centesimi, ma permetterebbe un risparmio di circa tre centesimi”, in ogni caso non dovrebbero esserci aumenti per i consumatori.

pulcini
In Germania il nuovo test potrebbe essere utilizzato già dal 2017

Nel frattempo la messa a punto dei nuovi dispositivi procede anche in Germania, anche se le previsioni che li davano disponibili per la seconda metà del 2016 sembrano destinate a slittare, nonostante la pressione del Ministero dell’Agricoltura che finanzia il progetto e che ha annunciato l’adozione della nuova tecnologia per il 2017, ma finora si è rifiutato di mettere al bando i metodi ora utilizzati per sopprimere i pulcini. In Germania la questione è molto seguita dall’opinione pubblica, e secondo Gerald Steiner, uno dei responsabili del progetto, potrebbe pesare sull’imminente campagna elettorale.

Ma qualcosa si sta muovendo anche oltre oceano: nella regione canadese dell’Ontario è l’associazione dei produttori ad avere avviato una collaborazione con la McGill University per individuare gli embrioni maschi prima che inizi l’incubazione attraverso la speratura, la tecnica oggi utilizzata per vedere, tramite una luce direzionata su un uovo, se questo è fecondato o meno. Si tratta di una tecnica del tutto diversa, meno invasiva, e anche in questo caso di un progetto a breve termine: l’idea è quella di avere un prototipo pronto per l’autunno per poi vedere come velocizzare la procedura arrivando a trattare 20/30.000 uova l’ora.

uova galline gabbia iStock_000017814192_Small
Torneremo a razze di galline sia da carne che da uova?

Le attuali pratiche di sessaggio insomma sembrano destinate a diventare un ricordo del passato: resta da vedere se la soluzione verrà dalla tecnologia o dal ritorno all’allevamento di razze ambivalenti, che possono essere usate sia per la carne sia per le uova. O semplicemente dalla scelta di prolungare la vita delle ovaiole -che oggi sono macellate appena la produzione di uova accenna a diminuire- in modo da ridurre la necessità di avere nuovi pulcini.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Paola Emilia Cicerone

Paola Emilia Cicerone
giornalista scientifica

Guarda qui

Un “codice a barre” genetico per certificare zafferano, farine e tonno: il DNA barcoding si affaccia nel mondo agroalimentare

Come si può essere sicuri che il bastoncino di pesce panato sia proprio merluzzo o …

8 Commenti

  1. Gli agnelli maschi sono anche loro eliminati a Pasqua. E così per altri animali che ci “nutrono”.

    • Paola Cicerone

      È vero. Ma la strage dei pulcini maschi ha numeri altissimi, senza alcun vantaggio per i consumatori. Si potrebbe cominciare da qui per migliorare il benessere animale.

    • non mi risulta, così non mi risulta lo siano “altri animali che ci nutrono”. Prego argomentare in modo costruttivo (cioè non con roba del tipo “mi ha detto mio cugino”…)

  2. I vitelli per esempio. Molte mucche pochi tori.

    • Paola Cicerone

      Se ho capito cosa sta chiedendo, i vitelli vengono utilizzati per la produzione di carne. I pulcini maschi delle ovaiole, invece, vengono distrutti perché non richiesti dal mercato

  3. ANTONIO FIERRO

    Secondo me tutto il sistema andrebbe rivisto non solo per i pulcini ma anche per gli altri animali da reddito.
    Partendo dai cicli produttivi e quindi la durata degli animali, all’utilizzo dei capi “non redditizi”.
    Se in agricoltura la redditività è sempre più bassa è difficile gestire bene il sistema.
    Una possibile realistica soluzione sono i distretti Biologici di produzione zootecnica ed agricola per la trasformazione industriale ed altro.
    Sono anni che ci provo ma in Lombardia non riesco ad organizzarne uno. E’ difficile mettere insieme troppe teste.

  4. Poi tutti, o quasi, ci costerniamo per i milioni di bambini che muoiono di fame e noi ci permettiamo di distruggere una preziosa fonte alimentare, solo perché non è economicamente competitiva?
    Ma considerando che somministriamo grasso tropicale saturo e tossico ai nostri neonati e bambini, il palma, solo perché è economicamente competitivo, la nostra costernazione dovrebbe estendere il campo d’attenzione.

  5. A me non sembra molto più etico distruggere un uovo prima che si schiuda… Mi spiego meglio; si tratterebbe, secondo me, sempre e comunque di un essere ammazzato perchè considerato di scarto, di troppo.
    Non capisco perchè non usarli per l’alimentazione e basta.