Home / Etichette & Prodotti / Il Prosecco conquista anche la Francia: il test di 60 Millions de Consommateurs su 10 bottiglie. Primo Zonin

Il Prosecco conquista anche la Francia: il test di 60 Millions de Consommateurs su 10 bottiglie. Primo Zonin

Glasses with prosecco in the barComplice la moda dello spritz e dell’aperitivo, negli ultimi anni il Prosecco ha avuto un vero e proprio boom, e non solo in Italia. Il celebre bianco frizzante prodotto tra Veneto e Friuli-Venezia Giulia ha conquistato il Regno Unito, gli Stati Unite e anche la Francia patria dello Champagne. Per questo il magazine 60 Millions de Consommateurs ha fatto assaggiare a un panel di esperti di vino e sommelier 10 bottiglie di Prosecco, compresi quattro marchi di supermercati d’oltralpe.

I risultati non sono tutti rose e fiori per il Prosecco, anzi. Secondo gli assaggiatori, solo una bottiglia riesce a ottenere un giudizio buono: si tratta del brut a marchio Zonin da 7,90€ a bottiglia, che si distingue da tutti gli altri da un punto di vista aromatico, ma anche per un gusto ricco e complesso. Le altre bottiglie testate hanno ricevuto un giudizio medio, considerati talvolta austeri (molto acidi e tanninici), talvolta troppo dolci. Giudizi non proprio lusinghieri  sono stati assegnati anche ad alcune marche di champagne

Nella classifica di 60 Millions, in seconda posizione si trovano a pari merito il marchio italiano Mionetto (6,70 €) con il suo brut, dall’aroma discreto con note di agrumi e il gusto fresco, leggermente acido, e il francese Villa Veroni (7 €), con un brut dal gusto amaro pronunciato. In terza posizione si trova la prima proposta di un supermercato: si tratta del brut venduto con il marchio Club de sommeliers di Casino a 7 € a bottiglia, che secondo gli assaggiatori ha un sapore decisamente migliore dell’aroma, considerato discreto. A pari punteggio si piazza l’extra dry a marchio Signore Giuseppe (6,50 €), caratterizzato da un aroma ‘vegetale’ e un gusto fresco con note agrumate, che però non è stato apprezzato da tutti i giudici.

Nella seconda parte della classifica si trovano altri tre vini proposti con il marchio del supermercato: Costaross extra dry di Système U da 5,40 € (aroma fruttato, sapore con note di caramello che mascherano l’amarezza), il brut Valdizze di E.Leclerc da 6,10 € (buon aroma, leggero, ma lascia un sapore dolciastro in bocca) e il Prosecco brut Luna Argenta di Monoprix da 8 € a bottiglia (aroma floreale e gusto amaro). Chiudono l’extra dry Riccadonna (marchio del gruppo Campari), che ha diviso gli assaggiatori sul gusto, e il Perlino (5,90 €), sempre extra dry, considerato un po’ troppo dolce.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Nutri score semaforo

Parmigiano Reggiano dice no all’etichetta a batteria proposta dal Governo e anche al semaforo francese

“Nessuna etichetta a batteria e neppure a semaforo sul Parmigiano Reggiano e sui prodotti Dop …

3 Commenti

  1. Avatar

    Ma che Prosecchi sono??..ma che classifica è?…ma stiamo scherzando?..va bene che il prodotto in sè è quel che è, ma almeno che assaggino dei VERI prosecchi, non da GDO o di cantine sconosciute.

    • Roberto La Pira

      I prosecchi presi in esame dai francesi sono quelli venduti in loco e in genere la scelta viene fatta fra le marche più presenti sul mercato.

    • Avatar

      Mi sembra condivisibile l’opinione, per il modo scarno, o meglio “non riportando integralmente” l’articolo, sembra un giudizio di esperti francesi su alcuni prodotti (immagino pochi) che vengono importati dall’Italia, mi chiedo se ha un senso riferirlo così…