Home / Recensioni & Eventi / Prosciuttopoli alla tv Svizzera italiana. “Patti chiari” indaga sulla truffa dei prosciutti di Parma e San Daniele

Prosciuttopoli alla tv Svizzera italiana. “Patti chiari” indaga sulla truffa dei prosciutti di Parma e San Daniele

Prosciutto prosciuttopoliProsciuttopoli, lo scandalo sui prosciutti Dop italiani, sarà il tema centrale del programma Patti chiari in onda venerdì 29 novembre alle 21:00 su Rsi la Radiotelevisione svizzera italiana. Il servizio giornalistico si propone di raccontare l’inganno dei falsi prosciutti  di Parma e San Daniele che ha sconvolto la filiera negli ultimi due anni. Anche nella Svizzera italiana molto probabilmente sono stati venduti migliaia di salumi provenienti da maiali non ammessi dal disciplinare. Patti chiari svela i retroscena della truffa, riporta le intercettazioni telefoniche e illustra le pratiche utilizzate per aggirare i controlli.

In studio si confronteranno Roberto La Pira direttore de Il Fatto Alimentare e Oreste Gerini dell’Istituto centrale repressione frodi del ministero dell’Agricoltura italiano. Hanno invece declinato l’invito al confronto i rappresentanti dei Consorzi, i due istituti preposti al controllo della filiera (Istituto Parma Qualità e Ifcq certificazioni) censurati più volte per vistose lacune nel loro operato, e anche i rappresentati dei prosciuttifici. Il programma sarà visibile sul sito di Patti chiari dal giorno successivo alla messa in onda.

prosciutto patti chiari

Alla fine ci sarà anche una prova organolettica a a cura di assaggiatori che mostreranno come riconoscere le qualità del prosciutto crudo.

Per vedere la puntata di Patti chiari di Rsi clicca qui.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Different water bottles for sports on color background

A scuola si combatte la plastica: borracce agli studenti in molti comuni italiani

In tutta Italia prende sempre più piede la distribuzione delle borracce nelle scuole. Ecco dunque …

6 Commenti

  1. Avatar

    Penso proprio che mi guarderà la trasmissione sul web. Patti chiari è sempre molto interessante e anche questa volta dimostra che i panni sporchi che si dovrebbero lavare solo in casa vengono stesi in Svizzera mostrandoli in prima serata.

    Anche questa volta si dimostra la costante che il giornalismo italiano (ma anche in generale) è solo un modo per fare soldi e per non disturbare chi ha un minimo di potere (economico). Il cittadino è trattato solo come un cretino che si deve sorbire la pubblicità.

    Penso che anche quest’anno darò un piccolo contributo al Fatto alimentare che mi ha fatto scoprire e seguire la vicenda. Forza La Pira.

  2. Avatar

    Nemo profeta in patria… meno male che c’è la Svizzera!

  3. Avatar

    Da anni seguo Patti Chiari sul sito internet ma, stranamente, la puntata sui prosciutti non è disponibile per le connessioni extra svizzere…ce la raccontate voi per favore?

    • Roberto La Pira

      Speriamo presto di avere un link utile per vedere il programma. Posso anticiparle che il rappresentante dell’Istituto centrale repressioni frodi ha ribadito più volte la presenza di una grande truffa.

  4. Avatar

    Proprio ciò che non doveva succedere e che il Consorzio doveva evitare stigmatizzando i comportamenti irresponsabili, e non facendo proposta di allineamento del disciplinare alla frode perpetrata. Chissà quali conseguenze per il marchio se analoga inchiesta si ripeterà a livello dei maggiori importatori, ad esempio USA.!!
    Altro che tendere a tenere l’argomento sotto traccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *