Home / Pianeta / Plastica, le giovani tartarughe messe a rischio da una “trappola” evolutiva: habitat trasformati in hotspot di inquinamento

Plastica, le giovani tartarughe messe a rischio da una “trappola” evolutiva: habitat trasformati in hotspot di inquinamento

La plastica che inquina gli oceani è un pericolo per tutte le specie marine. In particolare, per le tartarughe che la ingurgitano scambiandola per cibo. Ma questa non è l’unica ragione: gli habitat una volta ideali per lo sviluppo dei giovani esemplari nel tempo si sono trasformati in hotspot di inquinamento da rifiuti plastici. È la conclusione di uno studio condotto da ricercatori australiani e britannici, e pubblicato sulla rivista scientifica Frontiers in Marine Science.

Gli scienziati hanno analizzato il contenuto dell’apparato digerente di 121 giovani tartarughe (da esemplari appena nati a quelli di dimensioni inferiori a 50 cm) appartenenti a cinque specie: verde (Chelonia mydas), Caretta caretta, embricata (Eretmochelys imbricata), bastarda olivacea (Lepidochelys olivacea) e a dorso piatto (Natator depressus). I soggetti esaminati si sono spiaggiati o sono stati catturate accidentalmente durante le attività di pesca nell’Oceano Indiano e nel Pacifico, al largo delle coste australiane. I risultati rivelano che esemplari di quattro specie avevano frammenti di plastica di dimensioni superiori a 1 mm nel tratto digerente. Fanno eccezione solo le sette tartarughe embricate incluse nello studio. Sono stati trovati essenzialmente due tipi di plastica – polietilene e polipropilene – ma non è stato possibile determinarne l’origine.

microplastiche plastica inquinamento contaminazione nanoplastiche
Le giovani tartarughe sono particolarmente a rischio di ingerire frammenti di plastica a causa di una “trappola” evolutiva

Lo studio mette in luce anche un altro dato significativo: le tartarughe che vivono nell’Oceano Pacifico ingeriscono plastica più frequentemente rispetto a quelle provenienti dall’Oceano Indiano. Per esempio, l’83% delle tartarughe verdi del Pacifico conteneva plastica nel tratto digerente, con un esemplare che aveva 144 frammenti di dimensioni superiori al millimetro; di contro, solo il 9% degli esemplari dell’Oceano Indiano ne aveva ingerita, anche se in un individuo i ricercatori hanno trovato addirittura 343 pezzi. Inoltre se nelle tartarughe provenienti dal Pacifico si trovano più spesso frammenti di plastica dura, che possono derivare da un gran numero di oggetti, in quelle dell’Indiano sono più comuni le fibre, probabilmente provenienti dall’attrezzatura da pesca.

Secondo gli autori dello studio, la vulnerabilità delle tartarughe marine alla plastica è frutto di una sorta di “trappola” evolutiva. “I giovani esemplari di tartaruga su sono evoluti per svilupparsi in oceano aperto, dove i predatori sono relativamente scarsi, – spiega Emily Duncan ricercatrice del Centro di ecologia e conservazione dell’Università di Exter e prima autrice dello studio. – Tuttavia, i nostri risultati suggeriscono che questo comportamento ora li conduce in una “trappola”, portandoli in aree altamente inquinate come la Great Pacific Garbage Patch.

Con gli habitat che per migliaia di anni ne hanno favorito la sopravvivenza trasformati in discariche di rifiuti plastici (e non solo), le giovani tartarughe, che non hanno una dieta altamente specializzata, finiscono per mangiare anche questi materiali, scambiandoli per cibo. “Non sappiamo ancora quale impatto ha l’ingestione della plastica sulle giovani tartarughe, – conclude Duncan, – ma qualsiasi perdita a questo stadio di sviluppo può avere un significativo impatto a livello delle popolazioni

© Riproduzione riservata Foto: depositphotos.com

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Seed of oil palm

L’olio di palma porta benessere, ma spesso aumenta le disuguaglianze sociali e di genere

A partire dalla seconda metà del Novecento, la produzione di olio di palma è cresciuta …