;
Home / Packaging / Plastica, l’Italia è ancora indietro con il recupero. Siamo solo al 41%

Plastica, l’Italia è ancora indietro con il recupero. Siamo solo al 41%

plasticaCome ogni anno arriva puntuale la relazione sulla gestione 2020 di Corepla (il consorzio che presiede al riciclo degli imballaggi in plastica) che ci mostra a che punto siamo sulla gestione degli imballaggi nel nostro Paese.
Sebbene i risultati della gestione siano presentati dal consorzio come estremamente positivi, il monito della Corte dei Conti europea dello scorso ottobre, secondo cui l’UE non raggiungerà i valori-obiettivo che si è posta per il riciclaggio degli imballaggi di plastica per il 2025 (50%) e il 2030 (55%), risuona ancora e desta preoccupazione.

Secondo la Corte dei conti europea, per raggiungere questi valori è assolutamente necessario che si inverta l’attuale situazione, che vede le quantità incenerite maggiori di quelle riciclate. Una sfida difficilissima come dimostrano anche i dati italiani. Corepla comunica che, rispetto al 2019, la crisi del coronavirus ha ridotto del 5% gli imballaggi in plastica impiegati in Italia: “una riduzione nel complesso relativamente contenuta, grazie alla consistente crescita del settore medicale e di quello della disinfezione / detergenza e al deciso rilancio dell’alimentare confezionato”. Il quantitativo complessivo di imballaggi immessi al consumo sul territorio nazionale è stato di 2.198.000 tonnellate di cui 904 mila tonnellate circa sono state riciclate: una percentuale che si attesta quindi al 41%, dato in linea con gli altri Paesi europei (media EU 41,5%, dato Eurostat, 2018, vedi tabella).


Una possibile ragione della difficoltà nell’attuare una consistente politica di riciclaggio per la plastica risiede nel fatto che si stanno sviluppando materiali sempre più complessi e spesso accoppiati ad altri, per ragioni funzionali e di marketing, con performance sempre migliori dal punto di vista della funzionalità, ma non da quello del riciclo. Senza considerare la numerosità dei materiali plastici utilizzati oggigiorno. Va precisato che il dato italiano è superiore, per esempio, a quelli di Francia (26,9%, dato anch’esso del 2018 secondo fonte Eurostat), Danimarca (31.5%) e Finlandia (31.1%) ma di molto inferiore rispetto ad altri Paesi come Lituania (69.3%), Slovenia (60.4%), Bulgaria (59.2%) ma anche Spagna (50.7%).

Vi è poi in Italia una quantità spropositata di imballaggi in plastica (915 mila tonnellate circa, un quantitativo maggiore del riciclato) che viene destinata a recupero energetico. Una parte è avviata da Corepla presso cementifici e termovalorizzatori, ma la maggior parte è gestita come Rsu (rifiuti solidi urbani). Sulle ragioni di questa gestione andrebbe fatta una seria indagine: pur chiedendo spiegazioni a Corepla, ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta.

 

Ma allora perché il 3° Rapporto sull’economia circolare in Italia rilasciato dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile ci parla di una quota di riciclo complessiva nella nostra Penisola pari al 70%? Semplicemente perché vi sono altri materiali, usati per produrre imballaggi, che registrano tassi di riciclo ben più alti della plastica. Nel 2019 è stato infatti riciclato oltre l’80% degli imballaggi in acciaio e in carta, il vetro si assesta su valori che superano il 75% dell’immesso al consumo e l’alluminio raggiunge il 70%. Come visibile in tabella per tutti questi materiali sono già stati raggiunti gli obiettivi di riciclaggio per il 2025, e per quasi tutti quelli fissati per il 2030. Un vero successo, ma all’appello manca la plastica. In particolare i dati Conai, aggiornati al 2019, ci mostrano che il riciclaggio di imballaggi in plastica deve essere implementato di quasi 5 punti percentuali per raggiungere l’obiettivo 2025 e di quasi il doppio per centrare il target 2030.

La piramide dei rifiuti (come definita dalla Direttiva quadro rifiuti)

 

Da consumatori, pur cercando di differenziare plastica al meglio, è fondamentale non perdere di vista la scala di priorità prevista per il reale successo di un’economia circolare: la piramide gerarchica nella gestione dei rifiuti ci mostra infatti che è meglio prevenirne la produzione (vedi sopra). Di contro, pensare che basti differenziare per risolvere ogni problema, rischia di spingerci a usare plastica anche quando potremmo farne a meno. Si tratta di un rischio che non possiamo permetterci di correre.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos.com, Stock.adobe.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Luca Foltran

Luca Foltran
Esperto sicurezza dei materiali - Linkedin: Foltran Luca - Twitter: @foltranluca

Guarda qui

Il Salvagente, la rivista segnala la presenza di Pfas nei piatti e nei bicchieri usati nelle scuole

Le stoviglie compostabili con cui sono serviti i pasti nelle mense scolastiche sono piene di Pfas? E possono cedere questi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *