;
Home / Lettere / Pesto richiamato, ancora sugli scaffali di Carrefour: la segnalazione di un lettore

Pesto richiamato, ancora sugli scaffali di Carrefour: la segnalazione di un lettore

pestoDevo ringraziare Il Fatto Alimentare per avermi messo in allarme. Ieri infatti, 18 giugno, avevo appena avuto il tempo di dare una scorsa rapida a Il Fatto Alimentare appena arrivato a casa. Più tardi mi sono recato al Carrefour ed, essendo un patito del pesto ma preferendo quello artigianale a quello industriale, stavo per comprare per la prima volta quello del Pastificio Novella di Sori (GE), trovato nel frigorifero del fresco. All’ improvviso il nome, ma soprattutto l’immagine della confezione mi è sembrato di conoscerla. Ho riguardato sul cellulare le notizie di ieri del vostro sito ed ecco lì la foto della confezione (vedi richiamo)!

E, neanche a farlo apposta, il lotto e la data di scadenza del prodotto segnalato nell’articolo come a rischio di inquinamento microbiologico coincidevano con quello presente nel punto vendita. Naturalmente ho avvisato subito un commesso del supermercato. E qui sta il punto: lui sosteneva di non aver ricevuto alcuna segnalazione con cui la logistica Carrefour avverte le filiali di problemi sui prodotti ed eventuali ritiri. Solo dopo aver letto il vostro articolo si è convinto a ritirare le confezioni del pesto, le quali erano tutte del lotto in questione. Quindi la domanda che vorrei porre a Carrefour è: perché Il Fatto Alimentare aveva già meritoriamente segnalato il problema e Carrefour alle sue filiali no? Inoltre, come avviene la procedura per il ritiro dei prodotti ammalorati e in che tempi?

Gianni P.

© Riproduzione riservata

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Insalata pronta: una lettrice segnala presenza di erbacce e foglie ingiallite. Risponde l’azienda

L’insalata in busta pronta da consumare è un prodotto sempre più diffuso ma molto delicato. …

2 Commenti

  1. Avatar

    Ormai non importa niente a nessuno della nostra salute, anzi, una volta erano i Nas a sorvegliare le sofisticaxioni, e i prodotti si ritiravano.
    Ovviamente ora non essendo nessuno punito, siamo alla mercé di tutte le magagne industriali.

  2. Avatar

    buon giorno sono un ex commerciante di Genova per più di 30 anni cliente e
    venditore di prodotti novella tra cui il pesto anche da me consumato fino ad
    ora non ho mai avuto nessun problema con i loro prodotti spero che tutto si
    risolva positivamente (ho avuto parecchie occasioni nel passato di visitare lo
    stabilimento ottima la pulizia e l’ordine dei locali)
    antonio