Home / Lettere / Pernigotti: la crema Gianduia Nero è fatta in Turchia ma è difficile capirlo leggendo l’etichetta

Pernigotti: la crema Gianduia Nero è fatta in Turchia ma è difficile capirlo leggendo l’etichetta

 crema Gianduia Nero pernotti
La crema Gianduia Nero

Buongiorno, mi chiedevo che diritto hanno i turchi – nuovi padroni della Pernigotti – di vendere la loro preparazione Made in Turchia apponendo sul barattolo la storica etichetta “1860 Pernigotti”, salvo poi aggiungere sul retro a caratteri microscopici “Importato e distribuito da: Pernigotti SpA” e sotto: “Made in TR” (sigla incomprensibile ai più che sta per made in Turchia, vedi foto sotto). A me sembra tutto molto ambiguo. Grazie per l’attenzione. Simone

La Pernigotti, storico marchio del settore dolciario, è stata rilevata nel luglio del 2013 dalla società Sanset, gruppo turco controllato dalla famiglia Toksoz. Si tratta di un’azienda privata tra le principali del paese anatolico, con sede a Istanbul, con un fatturato annuo di circa 450 milioni.

pernigotti crema gianduia made in turchia big
La Crema Gianduia Nero è made in Turchia

Prima di questa cessione il marchio, fondato nel 1860 quando Stefano Pernigotti apre una drogheria nel centro di Novi Ligure, era sotto il controllo della Fratelli Averna, azienda leader nel settore dei liquori da cinque generazioni con una serie di marchi (Amaro Averna, Amaro Braulio, Limoncetta di Sorrento, Grappa Frattina).

L’accordo firmato con il gruppo familiare turco prevede la vendita del 100% del capitale sociale della Pernigotti, mantenendo e potenziando le esistenti strutture e risorse, tra cui i 150 dipendenti concentrati nello stabilimento di Novi Ligure (Alessandria). Come ha evidenziato il lettore, alcune referenze a marchio Pernigotti non sono prodotte in Italia, anche se nella sede alessandrina sono ancora attive alcune linee di produzione.

L’etichetta della crema Gianduia Nero anche se corretta da un punto di vista giuridico, presenta forse delle criticità per i consumatori che non sanno decodificare tutte le sigle sulle confezioni.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Lidl: il burro Milbona va consumato entro due giorni! Le perplessità di un lettore e la risposta della catena che conferma

Il tema delle scadenze e di quanto realmente durino gli alimenti è sempre attuale. In …

41 Commenti

  1. Avatar

    Per la trasparenza dell’etichetta dovrebbe essere scritto, in modo chiaro, il paese di origine della materia prima impiegata e il luogo di produzione, con relativo nome della ditta produttrice.
    Il consumatore sarà, poi, libero di acquistare il prodotto che preferisce.
    Viviamo in un mondo globale, e noi dovremmo acquistare il prodotto che riteniamo più idoneo al nostro gusto.

  2. Avatar

    appunto…farei proprio adesso una bella segnalazione all’Agenzia delle Dogane e a qualche altro ministero, magari quello della sanità … …questo TR è il codice ISO del paese .. che potrebbe essere anche confuso con la sigla di una provincia o altro … e mi sembra proprio fatto di proposito
    non conosco la specifica materia giuridica ma è proprio opportuno segnalare la cosa ad associazioni di consumatori …. oramai di “italiano” resta sempre meno
    come dobbiamo fare noi consumatori a districarci da tutta questa “POCA CHIAREZZA” …?!!!