Home / Etichette & Prodotti / Parmigiano Reggiano, al banco arriva un nuovo bollino per distinguerlo meglio dagli altri formaggi a pasta dura

Parmigiano Reggiano, al banco arriva un nuovo bollino per distinguerlo meglio dagli altri formaggi a pasta dura

Parmigiano ReggianoIl Consorzio del Parmigiano Reggiano ha lanciato, in occasione di Cibus, un nuovo progetto che mira a rendere più facilmente riconoscibile il formaggio al momento dell’acquisto nel punto vendita. Il problema si pone soprattutto quando si compra  il formaggio presso il banco gastronomia, dove è più difficile distinguerlo dagli altri formaggi a pasta dura. Da una ricerca condotta dall’Istituto di ricerca Ipsos, è emerso che il 40% dei consumatori non riesce a individuare subito il prodotto e quindi a distinguere tra i diversi formaggi. Spesso il packaging del Parmigiano Reggiano venduto a tranci è troppo simile a quello degli altri formaggi a pasta dura.

Le confezioni non sono sufficientemente chiare e solo il 28% riesce a distinguere il Parmigiano Reggiano da altri formaggi. Il Consorzio ha così ideato un sistema per valorizzare il prodotto tramite il logo aggiungendo una una serie di bollini corrispondenti alle principali caratteristiche del formaggio: la stagionatura, l’assenza di conservanti. Capofila di questo progetto, che prevede una seconda etichetta di forma triangolare che l’operatore attaccherà sulla pellicola del prodotto di vendita al banco gastronomia, sono state Esselunga e Basko (Gruppo Sogegross)

Il Parmigiano Reggiano, come previsto dal disciplinare di produzione, deve essere tagliato, confezionato e grattugiato in zona di origine con un’unica eccezione ovvero i soli punti vendita che possono tagliare e imballare sul luogo il formaggio per la commercializzazione diretta al consumatore finale.

© Riproduzione riservata; Foto: Parmigiano Reggiano

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

birra, boccale su tavolo di legno rustico, illuminato dal sole

Birre in lattina: ora sono anche artigianali, creative e, sempre più spesso, persino ‘impegnate’

Artigianalità, consumo domestico e sostenibilità ambientale sono le direttrici che stanno guidando la rivoluzione in …

2 Commenti

  1. “solo il 28% riesce a distinguere il Parmigiano Reggiano da altri formaggi”, il che la dice lunga sull’ignoranza e sulla preparazione/conoscenze dell’italiano medio, ormai…