Home / Etichette & Prodotti / Ma quanto costa il panettone? Il prezzo civetta per attirare consumatori

Ma quanto costa il panettone? Il prezzo civetta per attirare consumatori

L’altra sera ho assaggiato a casa di amici un panettone di pasticceria costato 28 €/kg. Era ottimo, mentre quello comprato pochi giorni prima al supermercato confezionato da Maina e posizionato a fianco di altre marche come Bauli, Balocco, Motta vendute a circa 4-6 €, era buono. Ma l’assortimento del dolce natalizio non è esaurita. Molte catene di  supermercati propongono oltre ai prodotti con il  loro marchio,confezionati dalle grandi aziende (Maina, Bauli …), anche  una seconda linea premium riconoscibile dalla confezione di carta abbellita con un gran fiocco che costano rispettivamente 3-4 € e  6-7 €/kg.  Insomma sul mercato ci sono almeno quattro tipologie di dolce natalizio, da quello di pasticceria a quello di marca sino a quelli con i marchi dei supermercati con prezzi molto variabili.  Come giustificare una differenza così rilevante?  La prima impressione è che l’importo del dolce artigianale sia esagerato, ma un’analisi attenta rivela un’altra verità.

Il panettone rappresenta uno dei punti di eccellenza della pasticceria industriale e artigianale. La ricetta è regolamentata dal Decreto 22 luglio 2005, che prevede l’impiego di farina, burro, uova, uvetta e canditi. La normativa indica solo la quantità minime degli ingredienti, e per questo motivo ci possono essere differenze tra una marca e l’altra, anche se quella più importante riguarda il tempo di lievitazione – da 24 a 72 ore – e la qualità e la quantità di uvetta e canditi e di burro. L’aspetto da sottolineare è che stiamo parlando di uno dei pochissimi prodotti da forno industriali preparato con lievito madre, abbinato a piccole quantità di lievito di birra. Si tratta di un dolce di alta qualità, lontanissimo da merendine, biscotti e altri snack ottenuti con lievito chimico e pronti in poche ore.

panettone
Il panettone è un prodotto di alta pasticceria che ormai viene venduto al prezzo di biscotti e merendine

Se il panettone industriale venisse trattato a livello commerciale come le merendine (vendute a 7-8 €/kg) dovrebbe avere un listino almeno di 10-12 €. Perché allora il prezzo sugli scaffali risulta dimezzato? Per capire la situazione bisogna fare un passo indietro. I produttori vendono i dolci di Natale ai supermercati a 4-5  €/kg, includendo in questa cifra il loro margine di guadagno. Le catene usano il panettone come prodotto civetta (leggi qui) per attirare i consumatori e, scelgono una marca a rotazione, da vendere allo stesso prezzo di acquisto o sottocosto per la felicità dei clienti. Negli altri casi il margine è sempre ridotto all’osso. Ormai è quasi impossibile cambiare strategia, la concorrenza tra le catene è altissima e diventa quasi impossibile proporre un prezzo “giusto” al panettone. La politica dei listini bassi da un lato triplica le vendite del dolce di Natale, dall’altro svilisce l’immagine di un prodotto che, ormai, viene considerato dai consumatori al pari di biscotti e merendine visto che costa così poco. Si arriva così al paradosso di vendere allo stesso prezzo, se non addirittura a un listino inferiore, panettoni e biscotti ottenuti in poche ore dopo una lievitazione rapida.

Alla luce di queste considerazioni i 28 € per un ottimo prodotto artigianale non sono un’esagerazione. È altrettanto vero che un prezzo così elevato non può competere con un panettone industriale comunque di buona qualità proposto a un prezzo “drogato” al ribasso e usato come prezzo civetta. Si tratta di un regalo di Natale a tutti gli effetti.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

miele che cola in un barattolo di vetro

La riscoperta del miele grazie alla pandemia: crescono le vendite e cambiano i consumatori

Crescono i consumi di miele nel 2020, grazie alle giovani famiglie che, complice la pandemia, …

4 Commenti

  1. Avatar

    Sarà anche giustificato il prezzo del panettone artigianale (anche se una volta lo ha comprato mia figlia e non era per niente buono, non sono tutti uguali…..). Sicuramente non è un prezzo che si possono permettere tutti!

    • Avatar

      che i prodotti artigianali non siano tutti uguali è ovvio , sarebbe strano il contrario .
      “non tutti se lo possono permettere” non può valere per cifre di questo tenore e non ripetitive .
      Una Ferrari non me la posso pernettere , ma spendere 50 euro per una cosa che piace è una scelta .
      Li posso spendere per una camicia , per un dolce, per un disco , per un libro, per una bottiglia .
      Ognuno sceglie come spenderli . Se non ho soldi non compro niente di tutto ciò

  2. Avatar

    Il Maina 1kg veniva 1.90 euro una settimana fa. Adesso il Balocco 1kg sempre a 1.90 fino a fine anno al CONAD! Sempre ottima qualità! Certo sarà CIVETTA, ma il consumatore esperto lo sa e approfitta di questo che chiami giustamente un “regalo di Natale”! Gli artigianali potranno essere poco migliori ma chi pagherebbe 15 volte di più un panettone/pandoro?