Home / Sicurezza Alimentare / Attenzione al pane con semi di papavero, può contenere alti livelli di alcaloidi. Un rischio sottovalutato per chi svolge lavori delicati

Attenzione al pane con semi di papavero, può contenere alti livelli di alcaloidi. Un rischio sottovalutato per chi svolge lavori delicati

pane semi di papaveroIn Italia se n’era parlato nel 2013, quando Le Iene hanno portato alla luce il caso di un lavoratore sospeso dal lavoro perché, dopo aver mangiato del pane ai semi di papavero, era risultato positivo agli oppiacei durante un controllo tossicologico di routine. Anche a noi era stato segnalato in redazione il caso di un militare che non aveva superato l’esame tossicologico agli oppiacei, dopo avere consumato cracker con semi di papavero prodotti di una nota azienda italiana. Il problema della contaminazione da alcaloidi correlata ai semi di papavero – e di conseguenza dei prodotti da forno preparati con questi semi – è tornato al centro dell’attenzione in Francia nel marzo 2019. Nel Paese d’Oltraple sono stati registrati diversi casi di persone risultate positive ai test sulla morfina e codeina dopo avere consumato pane con i semi.

Dopo che analisi di approfondimento hanno confermato la presenza di tenori anormali di alcaloidi nei semi di papavero, la Direzione generale della sanità (Dgs) e la Direzione  per la concorrenza, il consumo e la repressione frodi (Dgccrf) hanno diffuso un comunicato congiunto. Il documento allerta sui rischi per la salute e invita a una certa prudenza. Il consiglio di non mangiare cibi con grandi quantità di semi di papavero è rivolto a tutte le persone che svolgono lavori delicati o pericolosi e che sono soggette a controlli tossicologici periodici. L’invito riguarda anche le donne incinte e in fase di allattamento, i bambini, gli anziani, e i soggetti che soffrono di ritenzione urinaria e problemi respiratori.

Non è del tutto chiaro perché alcuni lotti di semi di papavero contengono livelli di alcaloidi elevati. L’ipotesi è che, a causa di tecniche di raccolta inadeguate, il lattice presente nel gambo e nella capsula del papavero possa contaminare i semi. Il lattice di papavero contiene grandi quantità di morfina, codeina e altri alcaloidi, mentre i semi normalmente ne hanno livelli bassi.

L’Efsa ha stabilito nel 2018 un livello di sicurezza per la morfina e la codeina contenuta nei semi di papavero pari a 10 microgrammi per kg. L’esposizione a elevate quantità di alcaloidi può causare sintomi come sonnolenza, confusione, rossore del volto, pizzicore, secchezza in bocca, nausea, vomito, costipazione e ritenzione urinaria.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Simple white cake with glaze on a gray background.

Biossido di titanio, uno studio mette in dubbio le ragioni del divieto francese. Ma spuntano finanziamenti dell’industria…

La decisione del governo francese di vietare il biossido di titanio (noto anche come E171) da …