Home / Tecnologia e Test / Padelle antiaderenti con rivestimento “in pietra”. Altroconsumo analizza 12 marche. Buoni i risultati

Padelle antiaderenti con rivestimento “in pietra”. Altroconsumo analizza 12 marche. Buoni i risultati

padella pietra alluflen etnea
Al primo posto troviamo Alluflon Etnea una delle più economiche

Se le melanzane si bruciano o il pesce si attacca non è detto che siate pessimi cuochi: potete sempre prendervela con la padella. Altroconsumo ha esaminato 12 padelle con rivestimento interno in pietra, più una in teflon e una in ceramica per il confronto. La prova pratica è stata affidata agli allievi di Mauro Elli, chef stellato e insegnante presso l’Istituto alberghiero Gianni Brera, a Como.

Il test ha analizzato diverse caratteristiche delle padelle in pietra, sfruttando ricette ad hoc: la carne cotta con un filo d’olio, le melanzane senza condimento, il trancio di pesce, l’omelette per valutare l’antiaderenza e altri cibi come la pasta risottata o la crema di latte. Le prove in cucina sono state condotte in modo anonimo nascondendo i marchi. L’analisi è stata portata avanti anche in laboratorio per valutare le performance del fondo dal punto di vista termico, vedere se il manico si riscalda in modo eccessivo e misurare  la resistenza in caso di caduta accidentale o di riscaldamento nel forno a 220°C.

padelle
Le padelle non devono essere troppo pesanti

I risultati sono tutti positivi (leggi articolo), quello che cambia è la qualità e il prezzo non sempre correlato alle performance. Al primo posto troviamo uno dei prodotti più economici: Alluflon Etnea (16/19 euro) con una perfetta antiaderenza, una  distribuzione della temperatura uniforme ma impossibilità di uso nel forno a causa del manico in plastica). Al secondo posto Kasanova New Petra seguita da Stonelive 6937,  Illa Cook and Rock , Moneta Argo, TVS Mineralia Pro. In fondo troviamo Ballarini Portofinio granitium con il  manico che si surriscalda e un costo elevato (54-67 euro), Aeternum Madame Petravera (26-30 euro) e Stonewell (30 euro).

Nell’analisi sono state valutate anche la persistenza delle macchie dovute ai cibi e la resistenza agli urti: si ammaccano tutte, cadendo, ma possono svolgere la loro funzione. La prossima volta che comprate una padella ricordate di valutare anche l’ergonomicità del manico e il peso (non troppo leggera e nemmeno troppo pesante), meglio se con i bordi svasati e il fondo non troppo spesso né sottile. Tra teflon, ceramica e pietra è meglio quest’ultima: si può cucinare senza condimenti, ma impiega di più a scaldarsi.

Test sulle padelle con rivestimento in pietra (leggi l’articolo di Altroconsumo con le tabelle)

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Farmaci nel latte scrive Il Salvagente. Evitare allarmismi irrazionali, dice il direttore di Ruminantia Alessandro Fantini

Pubblichiamo il commento del direttore di Ruminantia® Alessandro Fantini, sull’inchiesta relativa al latte realizzata dal …

4 Commenti

  1. Avatar

    ma non sarebbe importante valutare anche la quantità di rivestimento “ceduto” dalle padelle antiaderenti ? e l’eventuale tossicitá del rivestimento ?

  2. Avatar

    Infatti è quello che bisognerebbe testare… Il resto si nota facile!
    Anzi, da consumatrice chiedo gentilmente se è possibile sapere qualcosa a proposito dell’eventuale rilascio di sostanze e se è questo prodotto è sicuro per la salute

  3. Avatar

    alcuni mesi fa ricordo che fu fatto un test proprio a tale proposito dal mensile TEST Magazine. consiglierei di andare a spulciare sul loro sito…