Home / Richiami e ritiri / Ossido di etilene: per la Commissione tutti i prodotti contaminati devono essere ritirati dal mercato

Ossido di etilene: per la Commissione tutti i prodotti contaminati devono essere ritirati dal mercato

Dairy free milk substitute drinks and ingredients bevande vegetaliIn Francia alla fine di giugno i prodotti alimentari contaminati da ossido di etilene (disinfettante cancerogeno vietato in Europa), non sono stati più ritirati dagli scaffali dei supermercati. La questione è abbastanza curiosa, perché nei mesi precedenti i francesi avevano proceduto al richiamo e al ritiro dal mercato di migliaia di prodotti contaminati (*). In Italia Il Fatto Alimentare ne ha segnalati poco più di 250 pubblicati dal ministero della Salute e dalle catene di supermercati, ma potrebbero essere più numerosi.

La sospensione dei richiami in Francia è avvenuta in seguito a una sottile questione giuridica di cui hanno approfittato alcuni Paesi. Molti prodotti, infatti, contengono quantità davvero minime di ossido di etilene, proveniente dalla contaminazione di additivi o ingredienti aggiunti in piccole quantità. Il caso più eclatante è quello dei gelati che per mantenere la struttura sono additivati con farina di semi di carrube (E 410). Il problema è che, ahimè, questo addensante risulta spesso contaminato da ossido di etilene. Stiamo parlando di quantità minime che gli stessi laboratori fanno fatica a rilevare sul prodotto finito. Il discorso del gelato si può estendere anche ad altre categorie merceologiche dove non è l’additivo ad essere contaminato, ma il conservante aggiunto all’additivo.

gelato ricoperto dolci iStock_000000578256_Small
La Francia aveva smesso di richiamare i prodotti contenenti un ingrediente contaminato da ossido di etilene, sfruttando la vaghezza di alcune norme

In questo contesto, a fine giugno, il sindacato Solidaires CCRF & SCL dei servizi di repressione delle frodi ha avvertito che “sono state sospese le procedure di richiamo per i prodotti finiti contenenti farina di semi di carrube”. Il motivo di questa svolta? Tutto ciò è potuto accadere grazie a una persistente vaghezza giuridica in Europa sulle soglie minime da considerare per richiamare i prodotti trasformati che contengono un solo ingrediente contaminato. Per questa ragione, anche la Germania e il Belgio avevano deciso di non procedere con i richiami.

A seguito dell’allerta lanciata al grande pubblico da questo sindacato e delle pressioni esercitate dall’ONG Foodwatch sulla Commissione Europea, quest’ultima si è finalmente pronunciata, dicendo che: “nessun livello di esposizione all’ossido di etilene può essere definito sicuro per consumatori” e “per questo i prodotti che contengono farina di semi di carrube o altri additivi contaminati con ossido di etilene “devono essere” ritirati dal mercato europeo”.

Anche se ad alcuni potrebbe sembrare scontato, la  Commissione Europea ha preso una decisione molto chiara dopo tre incontri con gli Stati membri e l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa). Si è giunti così alla decisione univoca presa venerdì 16 luglio, di non ammettere eccezioni e di continuare a ritirare anche se la presenza di ossido di etilene nel prodotto finito risulta minima. Tutti gli alimenti contaminati devono quindi essere ritirati dal mercato. 

(*) La lista completa si trova sul sito francese della Répressione delle  frodi (DGCCRF).

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com, iStock.com

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Donna mangia nachos o tortillas

Possibile presenza di alcaloidi tropanici: richiamo per un altro marchio di tortilla chips bio

Eataly e NaturaSì hanno pubblicato il richiamo precauzionale da parte del produttore di un diversi …

2 Commenti

  1. E’ cosa buona e giusta.

  2. Tutti gli alimenti artefatti industrialmente contengono componenti chimici per addensare, conservare, aromatizzare.

    Alla fine una bella bistecca bovina scottata su plancia , è l alimento più genuino

    Un saluto a tutti