Home / Nutrizione / Contro il junk food le stesse strategie utilizzate per il tabacco: 3,4 milioni i decessi attribuibili all’obesità

Contro il junk food le stesse strategie utilizzate per il tabacco: 3,4 milioni i decessi attribuibili all’obesità

obesità dimagrire junk food 450795641
L’obesità va trattata in modo più incisivo e con misure rigide e uniformi a livello internazionale

L’obesità va trattata con un approccio simile a quello messo in campo alla fine degli anni sessanta nei confronti del fumo di tabacco: è l’appello provenuto, negli stessi giorni, da fonti diverse e autorevoli riunite in un summit organizzato a Ginevra da Consumer International, insieme ad altre agenzie e organizzazioni internazionali tra le quali l’OMS, affinché il mondo si muova in tempo.

 

Il primo messaggio è stato lanciato durante l’apertura dei lavori del summit dal belga Olivier de Schutter,  già a capo dell’International Federation of Human Rights e dal 2008 nel comitato OMS che si occupa di diritto al cibo, illustrando il nuovo rapporto sui diritti umani. Nell’analogo rapporto del 2012, de Schutter aveva già cercato di richiamare l’attenzione sul problema dell’obesità, chiedendo una tassazione più elevata per gli alimenti non sani, una legislazione più stringente sui cibi a elevato tenore di zuccheri, sale e acidi grassi trans, e una seria battaglia alla pubblicità del junk food.

Il rapporto, inoltre, sottolineava la pericolosità dei bassi prezzi di vendita di alcuni alimenti, e invitava a mettere in campo politiche atte a favorire un abbassamento del costo del cibo locale affinché i consumatori avessero accesso a cibo “sano, nutriente e fresco”.

 

junk food 178450729
Il junk food ha dei costi più bassi, una pubblicità martellante e fa leva sul sapore

Questa volta l’esperto è andato oltre, prendendo indirettamente atto del fallimento delle iniziative precedenti. «Fino a quando il problema non sarà affrontato a monte, con uno sforzo globale – ha detto – nessun provvedimento potrà essere realmente efficace».

E ha aggiunto: «i governi finora si sono concentrati sulla disponibilità di calorie, senza preoccuparsi in alcun modo del tipo di calorie, del prezzo, del pubblico al quale era rivolto un certo alimento e della pubblicità. Ora è giunto il momento delle contromisure, anche nei confronti della campagne di disinformazione cui siamo tutti sottoposti».

 

copertine cibo vario 170187187
Le richieste di Consumer International sono precise e rigide

Allo stesso summit sono poi intervenuti i portavoce ufficiali di Consumers International e della World Obesity Federation, chiedendo, nello specifico, regole chiare ai governi di tutto il mondo, dal momento che i decessi direttamente attribuibili all’obesità e al sovrappeso sono cresciuti dai 2,6 milioni del 2005 ai 3,4 milioni del 2010. Ecco l’elenco di ciò che si vuole ottenere:

– i grassi artificiali trans devono essere rimossi da tutti gli alimenti e le bevande entro cinque anni;

– i livelli di sale, grassi saturi e zuccheri degli alimenti serviti in mense scolastiche, scuole e uffici pubblici devono essere ridotti drasticamente per legge;

– la pubblicità sui cibi deve essere regolata in modo molto più limitante, e l’applicazione delle norme deve essere puntuale;

– il pubblico deve essere costantemente informato sul cibo sano;

– la pubblicità diretta ai bambini e trasmessa nei programmi televisivi specifici, così come quella inserita in programmi che hanno un pubblico giovane come i talent deve anch’essa essere limitata e controllata;

-i governi devono analizzare il costo del cibo, introdurre tasse, modificare le legislazioni sulle licenze e verificare costantemente che tutto ciò accada;

– in generale, l’impegno profuso deve essere simile a quello messo in campo contro il tabacco.

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

lidl cucchiaino zucchero

Lidl lancia il cucchiaino che riduce lo zucchero del 20%. Gli impegni della catena di discount per un’alimentazione più sana

Per aiutare i clienti a diminuire il consumo quotidiano di zucchero, Lidl ha escogitato un …