;
Home / Etichette & Prodotti / Nutri-Score: anche il Lussemburgo e PepsiCo adotteranno l’etichetta a semaforo francese

Nutri-Score: anche il Lussemburgo e PepsiCo adotteranno l’etichetta a semaforo francese

loupe nutri-score - nutriscore - indice AMentre l’Italia procede spedita lungo la strada dell’etichetta a batteria, un altro paese adotterà ufficialmente il Nutri-Score: il Lussemburgo. La ministra per la Protezione dei consumatori Paulette Lenert, il 12 febbraio, ha annunciato che il Nutri-Score sarà il logo nutrizionale ufficiale del Gran Ducato. Il regolamento per l’implementazione dell’etichetta a semaforo dovrebbe essere pubblicato nel corso del secondo trimestre del 2020 e già da questa primavera inizierà una campagna informativa per i consumatori.

Il Lussemburgo diventa così il sesto paese dell’Unione europea ad aver adottato il Nutri-Score (o aver annunciato l’intenzione di farlo), oltre a Francia, Belgio, Spagna, Germania e Paesi Bassi. In più c’è la Svizzera, dove è raccomandato e sostenuto dal settembre 2019 dall’Usav, l’Ufficio federale della sicurezza alimentare e veterinaria.

pepsico nutri-score
PepsiCo ha annunciato che già da quest’anno inizierà a usare il Nutri-Score sui suoi prodotti in Francia

Lo stesso giorno anche PepsiCo ha reso noto di aver deciso di adottare il Nutri-Score. Il logo comparirà progressivamente sulle etichette dei prodotti dei marchi della multinazionale già a partire da quest’anno, a partire dai gazpacho Alvalle, le patatine Lay’s, gli snack Bénénuts e i prodotti per la colazione Quaker Oats. Entro la fine del 2021, il Nutri-Score sarà presente su 350 referenze dei marchi PepsiCo venduti sul mercato francese.

Nel dicembre 2018, PepsiCo aveva annunciato l’intenzione di utilizzare le etichette a semaforo britanniche su tutti i prodotti venduti in Europa. La decisione era arrivata all’indomani del fallimento dell’Evolved Nutrition Label, il progetto di etichettatura nutrizionale semplificata condiviso con Coca-Cola, Nestlè, Mondelēz, Unilever e Mars, naufragato per la mancanza di consenso sulle dimensioni delle porzioni che dovevano essere alla base del nuovo sistema.

Adesso si registra un nuovo cambio di rotta, con l’adozione del Nutri-Score, il logo a cinque colori e cinque lettere – dalla A verde alla E rossa – che le aziende possono aggiungere volontariamente nella parte frontale delle confezioni. Nel sistema francese, ogni prodotto riceve un colore in base al contenuto di zuccheri, grassi saturi, sale e calorie (da limitare) e di fibre, frutta, frutta secca e verdura, e proteine (positivi).

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Avocado, tra dieci anni sarà il frutto tropicale più venduto nel mondo e soprattutto in Europa e Usa

Il rapporto Agricultural Outlook 2021-2030 dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) e …

2 Commenti

  1. Avatar

    E niente, l’etichetta semaforo piace sempre di più ai paesi che hanno non hanno prodotti tradizionali, e alle grandi industrie che già hanno da tempo hanno pianificato come ingannarla per ottenere il semaforino verde sostituendo gli ingredienti incriminati con complesse combinazioni di altri componenti, andando sempre di più verso eleboratissimi prodotti con elenchi chilometrici di ingredienti che tanto più nessuno leggerà, visto che c’è il semaforino.

    Per fortuna per una volta l’Italia sembra seriamente intenzionata a non cadere nella trappola e ad adottare invece l’etichetta a batteria, i cui difetti (rimediabilissimi) sono solo l’uniformità del colore e la mancanza di uniformità della porzione di riferimento, colorandola “a semaforo” (indispensabile! risparmia al consumatore almeno cinque secondi di attenzione a cosa compra!), e imponendo ai produttori di riferirla a 100 grammi di prodotto per uniformarla seriamente.

    Mauro

    • Roberto La Pira

      Peccato che l’etichetta a semaforo Nutri-Score sia stata “inventata” in Francia una paese che mi sembra abbia molti prodotti tradizionali un pò come l’Italia