Home / Nutrizione / Nel Regno Unito, Nestlé ridurrà del 10% lo zucchero nei cereali da colazione entro il 2018. Secondo il governo britannico è un buon esempio ma non basta

Nel Regno Unito, Nestlé ridurrà del 10% lo zucchero nei cereali da colazione entro il 2018. Secondo il governo britannico è un buon esempio ma non basta

Nestlé
L’obiettivo di Nestlé UK è la riduzione del 10% degli zuccheri nei cereali da colazione entro il 2018

In Gran Bretagna, entro la fine del 2018 Nestlé ridurrà del 10%, rispetto ai livelli del 2015, la quantità media di zucchero nei propri cereali da colazione. L’obiettivo non riguarderà i singoli prodotti ma il loro insieme e sarà raggiunto attraverso una loro riformulazione combinata con un aumento della quota dei prodotti con quote di zucchero più basse. Nestlé UK afferma che questa riduzione, che si aggiunge a quella del 16% attuata dal 2010 ad oggi, significherà circa 225 milioni di cucchiaini di zucchero in meno nella dieta nazionale britannica.

Nestlé UK sottolinea che, rispetto ai livelli del 2003, i cereali venduti nel 2016 nel Regno Unito hanno avuto un minor contenuto di zucchero (pari a 383 milioni di cucchiaini da tè), 42 milioni di cucchiaini di sale in meno ed è aumentato l’uso dei cereali integrali (3600 tonnellate in più). L’annuncio di Nestlé sullo zucchero nei cereali fa seguito a quello di quattro mesi fa su un’analoga riduzione, entro lo stesso termine, del contenuto di zucchero nei dolciumi. In entrambi i casi, la notizia riguarda solo il Regno Unito.

Alison Tedstone, capo nutrizionista del Dipartimento del governo per la salute pubblica (Public health england), si augura che l’iniziativa di Nestlé incoraggi altre aziende a fare riduzioni significative, ma sottolinea che c’è ancora molto da fare per raggiungere il target di riduzione dello zucchero del 20%, indicato dal governo ma contestato come arbitrario e non realizzabile dall’industria.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

ragazza mangia piatto pollo fritto

L’obesità dipende dalla qualità del cibo piuttosto che dalla quantità di attività fisica

Ciò che fa prendere peso ai ragazzi non è tanto la quantità di attività fisica …