;
Home / Efsa / Micotossine e cambiamenti climatici: un video di Efsa esamina il legame tra contaminanti e clima

Micotossine e cambiamenti climatici: un video di Efsa esamina il legame tra contaminanti e clima

I cambiamenti climatici, ormai è noto, avranno un forte impatto sulla produzione di cibo su scala globale. Il clima sempre più caldo e umido degli ultimi anni è la condizione ideale per la crescita delle muffe, che espongono gli alimenti a una maggiore contaminazione da micotossine. Ad esaminare lo stretto legame tra mutamento del clima e micotossine, ci pensa un video dell’Efsa, in collaborazione con la Fao e l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza.

Tra le micotossine, spicca il caso dell’aflatossina, cancerogena, genotossica e dannosa per il sistema immunitario, che è diventata un grosso problema per i paesi del Sud Europa, come l’Italia, dove estati sempre più calde e umide ne favoriscono l’accumulo nel mais.

Secondo un modello predittivo frutto di una ricerca finanziata dall’Efsa, se la temperatura globale salirà di 2°C, la contaminazione comincerà a diventare un problema anche per i paesi del Nord e Centro Europa, mentre le concentrazioni di micotossine negli alimenti coltivati nei paesi dell’Europa meridionale rischieranno di superare i limiti di sicurezza molto spesso.

Il video è in lingua inglese con sottotitoli in italiano (clicca sul tasto “sottotitoli” per attivarli e poi in “impostazioni” scegliere la lingua italiana).

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Polli allevamento

L’influenza aviaria minaccia l’Europa. L’Efsa mette in guardia le autorità sanitarie

Il rischio che l’influenza aviaria si sposti fino a coinvolgere i Paesi europei è elevato. …