Home / Tecnologia e Test / Mercurio nelle acque minerali italiane: ottimi i risultati dello studio del Cnr-Idpa

Mercurio nelle acque minerali italiane: ottimi i risultati dello studio del Cnr-Idpa

acqua minerale bottiglia idratazione mercurioL’acqua minerale in bottiglia italiana è sicura per le basse concentrazioni di mercurio. Molto rassicuranti i risultati di uno studio dell’Istituto per la dinamica dei processi ambientali del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Idpa), in collaborazione con l’Istituto di nanotecnologia (Cnr-Nanotec), le Università Sapienza di Roma, della Calabria (Unical), degli Studi di Ferrara, Ca’ Foscari di Venezia e Magna Graecia di Catanzaro e pubblicato sulla rivista Chemosphere.

I ricercatori hanno investigato la presenza di ultra-tracce di mercurio nelle acque in bottiglia italiane, rilevandone quantità trascurabili. Le analisi hanno riguardato, nel biennio 2014-2016, 244 acque confezionate in bottiglia di 164 diverse marche, rappresentanti il 64% dell’intero mercato italiano. Grazie a una tecnica analitica specifica si è determinato che i livelli di mercurio sono circa mille volte inferiori rispetto al valore limite di 1 microgrammo per litro previsto dalla Direttiva Europea 2003/40/CE.

“Il mercurio – spiega Massimiliano Vardè del Cnr-Idpa – è uno dei contaminanti più dannosi e indesiderabili, in particolare nell’ambiente acquatico. L’esposizione ad esso, anche a basse dosi, induce effetti avversi sul sistema nervoso centrale del feto, del bambino e dell’adulto e provoca, inoltre, significativa tossicità renale ed epatica, diminuzione della fertilità, alterazioni del sistema immunitario e danni al sistema cardiovascolare”.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

caraffa filtrante

Caraffe filtranti: performance migliorate e problemi di sicurezza risolti. I risultati del test di Altroconsumo su 14 prodotti

Le caraffe filtranti migliorano le proprie performance di anno in anno. Lo certifica l’ultimo test …

4 Commenti

  1. quali sono le acque incriminate?

  2. Si avete fatto un bell’articolo generico, ma se non riportate i nomi delle acque con presenza di mercurio, questo articolo non serve a niente.

    • Valeria Nardi

      Nello studio non sono riportate le marche delle acque analizzate ma, come detto nell’articolo i risultati sono ottimi. “In tutti i campioni, le concentrazioni di Hg (mercurio) sono state trovate nell’intervallo di sub nanogrammi a pochi nanogrammi per litro, ben al di sotto del limite normativo nazionale ed europeo (1μgL-1).” Inoltre nel 14% dei campioni le concentrazioni erano così basse che il sistema di misurazione non ha potuto quantificarle.