Home / Nutrizione / Mense scolastiche: Revolution Food, il buon esempio che arriva dall`America

Mense scolastiche: Revolution Food, il buon esempio che arriva dall`America

Ilfattoalimentare.it segue da tempo le vicende della ristorazione scolastica in Italia. Una bella lezione arriva dagli Stati Uniti, col vento in poppa delle recenti riforme patrocinate da Michelle Obama.

 

I gestori delle mense scolastiche devono sempre fare i conti con budget ridotti al minimo, e in Italia a volte anche con i ritardi di pagamento. Al tempo stesso, devono offrire pasti che siano validi dal punto di vista nutrizionale e apprezzati dagli studenti. Un’impresa difficile, soggetta al controllo severo delle famiglie che sono pronte alla protesta contro gli amministratori locali.

 

L’amministrazione Obama ha saputo realizzare un “miracolo contabile” per aumentare le risorse disponibili alle mense delle scuole pubbliche in una stagione economica non rosea. Spendere qualcosa in più per garantire un effettivo miglioramento delle proprietà nutrizionali dei cibi offerti.

 

In questo contesto è fiorita Revolution Foods, una start-up che ha fondato il proprio business su un’idea che, per certi aspetti propri della società americana, è davvero rivoluzionaria: cibo sano per la salute, l’apprendimento e la crescita dei bambini. Ingredienti di prima scelta, cereali integrali, frutta e verdura in abbondanza. Bando a “high fructose corn syrup” e grassi idrogenati, niente conservanti né coloranti o altri additivi artificiali. Un progetto solido, orientato verso le esigenze dei consumatori e della società, che in pochi anni ha riscosso un buon successo: 120.000 pasti serviti ogni giorno, più di 33 milioni di pasti dal 2006 a oggi.

 

Revolution Foods fornisce colazioni, pranzi, merende e cene in oltre 600 scuole, rivolgendosi a un’utenza che per i 2/3 proviene da famiglie a basso reddito. E dal 2009, con i suoi oltre 750 dipendenti, è entrata a far parte del club delle “B corporations” [1], cui partecipano oltre 500 operatori economici USA certificati per le loro prestazioni in termini di sostenibilità.

 

Dario Dongo

foto: Photos.com

[1] “B Corporations” sono le società che aderiscono a severi standard di impatto ambientale e performance sociale, sviluppati in Usa negli ultimi 5 anni, si sottopongono ad apposita certificazione per verificarne e dimostrarne il rispetto.

 

Per saperne di più

Mense scolastiche, basta con gli sprechi, metà del cibo finisce nei rifiuti. Il caso di Milano Ristorazione

Milano Ristorazione i bambini bocciano la dieta Berrino, spariscono le vaschette e i cavolfiori e dimezzano le frittate

USA, Obama firma il “Nutrition Bill”

Negli USA cambiano i menù nelle mense scolastiche, più verdura e meno grassi saturi

 

Avatar

Guarda qui

Barilla e il mistero di biscotti e merendine nella doppia piramide alimentare. C’era bisogno di includerli?

L’assenza di seri programmi istituzionali per l’educazione alimentare lascia campo aperto alle aziende, con il …