Home / Packaging / Fast food e ristorazione: nuovi materiali sostenibili e soluzioni innovative per il packaging

Fast food e ristorazione: nuovi materiali sostenibili e soluzioni innovative per il packaging

Burger bar set craft paper blank design fast food cardboard tableware. Mockup template kraft cardboard cup coffee. Package wok box french fries potato chicken nugget. White background 3d illustration.Si moltiplicano le proposte di nuovi materiali sostenibili per cibi e bevande che possano essere riutilizzati più volte e che, raggiunto il limite dell’impiego, siamo in grado di  essere reintrodotti nel ciclo produttivo, e quindi riciclati interamente. Tra le proposte più interessanti, di recente ne sono state presentate due: una per gli involucri dei fast food e l’altra per i bicchieri delle bevande calde, tipicamente il caffè.

Nel primo caso, il nuovo materiale è costituito esclusivamente da un estratto di alghe australiane, che ha una struttura molto simile a quella delle fibre naturali con cui si realizza la carta ma che, se lavorato secondo un metodo coperto da brevetto, diventa impermeabile ai grassi. Ciò lo rende un possibile sostituto naturale dei rivestimenti plastici e dei Pfas. A proporlo sono i ricercatori di una start up tedesca chiamata One • Five, specializzata in packaging sostenibile che, per questo progetto, ha collaborato con il Centre for Marine Bioproducts Development della Flinders University, in Australia ( un centro con una grande esperienza nei materiali di origine marina), e con l’Institute for Nanoscale Science & Technology dello stesso ateneo. Come hanno ricordato i ricercatori, il ricorso alle alghe presenta diversi altri aspetti positivi: la coltivazione aiuta a rigenerare il mare senza alcun tipo di intervento mentre assorbe CO2. Al momento One • Five sta cercando di avviare la produzione su larga scala, per giungere entro pochi mesi alla commercializzazione.

Sono state presentate due nuove soluzioni per rendere più sostenibile il packaging per fast food e ristorazione da asporto

Il secondo materiale è già in commercio e può vantare i primi risultati positivi. In questo caso il prodotto di base è il polipropilene, un polimero classico, ma totalmente riciclabile, e la start up che ha investito su di esso e ha già iniziato a vendere il packaging per i fast food è Cauli, azienda britannica che produce in Repubblica Ceca e propone bicchieri in due volumi (350 e 300 ml) da utilizzare fino a 400 volte. I bicchieri poi vengono raccolti dalla stessa Cauli, lavati e riciclati. L’idea è quella di aiutare i clienti e i gestori di bar e ristoranti a riciclare, fornendo un servizio completo e premiando (con una forma di cashback) chi, oltre a scegliere questo materiale (più sostenibile di tanti altri), contribuisce a mantenerlo sempre in circolazione e a evitare che se ne produca altro.

Anche molti dei bicchieri in uso attualmente sarebbero riciclabili, ma nel Regno Unito, dove l’azienda ha lanciato i suoi prodotti, il 99,75% non è avviato al riciclo, probabilmente perché il riutilizzo non è in alcun modo facilitato. Il risultato è che 11 miliardi all’anno di pezzi vengono usati e buttati via, anche quando sarebbero riciclabili. Per questo, come racconta FoodNavigator, Cauli ha lanciato i suoi chioschi per la raccolta, dove il cliente, ogni volta che inserisce un bicchiere, riceve un premio. Dal 2019, anno della commercializzazione dei primi prodotti, a oggi, l’azienda ha stipulato una ventina di contratti, e i bicchieri sono già stati adottati da diverse banche della City di Londra e da istituzioni sanitarie come Barts Health del National Health System, nel tentativo di dare l’esempio e iniziare a diminuire i numeri dello spreco di packaging. Secondo i calcoli dell’azienda, ciò ha significato evitare di immettere nell’ambiente quasi 17mila pezzi e in atmosfera poco meno 4 tonnellate di CO2: numeri che rendono bene l’idea di quale possa essere l’impatto di pratiche del tutto accessibili, ma finora adottate in misura del tutto insufficiente.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos, AdobeStock

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.
Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

bananes sur table en vieux bois

Bollini della frutta: non tutti sono compostabili. Verificare dove buttarli è un gesto di civiltà

Alzi la mano chi stacca il bollino adesivo dalla buccia della frutta (o della verdura) …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *