Home / Tecnologia e Test / Maionese biologica e senza uova. Continua il confronto tra marchi

Maionese biologica e senza uova. Continua il confronto tra marchi

maionese uova frusta olio cucchiaioSe già con le maionesi “private label” e quelle firmate Kraft o Calvé si è vista una grande differenza di prezzo, seppur gli ingredienti fossero gli stessi, ecco che quelle che stupiscono sono ben altre. Quel che si vuole fare è dare dei parametri utili per fare scelte ragionate, anche se, nonostante le ricette simili, il gusto cambia e ognuno ha la propria maionese preferita.

Le maionesi biologiche che non presentano l’acqua tra gli ingredienti sono quelle Biffi e Conad. Entrambe prodotte dalla Formec Biffi, con identica ricetta, hanno un prezzo simile leggermente ritoccato a favore della prima, 10,21 €/l contro i 10,60 €/l di Conad. In questo caso il “private label” è più caro della linea del produttore, diversamente da quel che accade in genere. Un’altra versione biologica la propone Calvé e nonostante l’utilizzo di un olio meno costoso (l’olio di semi di soia), la salsa Calvé Bio ha un prezzo pari a 15,10 €/l. Se Conad, rispetto alla maionese non biologica, ha un prezzo che aumenta di circa tre volte, Calvé lo incrementa di oltre quattro.

maionese biologica
Anche le maionesi biologiche hanno una grande variazione di prezzo sebbene gli ingredienti siano molto simili

Per chi non può o non vuole consumare la salsa in versione “classica”, ecco che il mercato offre l’alternativa vegetale della maionese, spesso vista come quella più salutare, togliendo dalla ricetta le uova. Tolto un ingrediente, il prezzo aumenta. Calvé tutto sommato, utilizzando una buona percentuale di olio (72% di colza), non varia eccessivamente il prezzo che arriva a 9,61 €/l, anche se è quasi il triplo rispetto alla versione classica. Valsoia e Cuore, probabilmente sfuttando anche il claim relativo all’acido linolenico che “aiuta a mantenere i normali livelli di colesterolo”, superano le aspettative e vendono il prodotto a 15,27 €/l e 15,50 €/kg. E se da una parte il 26% di estratto di soia e 7 g di zucchero fanno lievitare (inspiegabilmente) il prezzo, dall’altra basta il 55% del famoso olio di mais (che costa circa 4,70 €/l) e un po’ d’acqua per raggiungere questa richiesta economica sullo scaffale.

maionese-senza-uova
Il mercato offre l’alternativa vegetale della maionese, spesso vista come quella più salutare, togliendo dalla ricetta le uova

Per gli amanti della salsa vegetale e biologica, un prezzo contenuto lo ha Coop con la linea Vivi Verde con 9,94 €/l, quasi come la Calvé senza uova, che biologica non è. Ma il trucco di magia più riuscito va a Biobontà con la sua maionese di soia biologica. Olio di semi di girasole, acqua e ben 8% di bevanda di soia a 19,15 €/kg. È vero che è la salsa più premiata dall’etichetta a semaforo Nutri-Score con il colore giallo, grazie anche al ridotto contenuto di sale, ma il prezzo è esagerato se paragonato a un prodotto molto simile come quello Coop.

maionese biologica senza uova
Per gli amanti della salsa vegetale e biologica, un prezzo contenuto lo ha Coop con la linea Vivi Verde

Se per i prodotti biologici ci si aspetta un rincaro, dovuto per esempio a maggiori costi di produzione, trasformazione o certificazione, è evidente che in diversi casi il prezzo sia dovuto ad un discorso puramente di marketing. Evidenziamo anche il fatto che non è perché un prodotto sia senza uova, abbia la soia o sia 100% vegetale che lo rende più salutare, come segnala il Nutri-Score. Perciò agli amanti della maionese, in tutte le sue forme e gusti, il consiglio è come sempre leggere gli ingredienti e confrontare i prezzi perché molto spesso un prodotto vale l’altro. Ma non per il portafoglio.

*Prezzi rilevati nei siti di Coop, Esselunga (Milano) e Conad (Roma)

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Simone Finotello

Avatar

Guarda qui

uova fresche cestino

Uova cruelty free: in arrivo le “respeggt” ottenute senza sacrificare i pulcini maschi

Da qualche mese a Berlino si possono acquistare le respeggt, uova ottenute senza sacrificare i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *