Home / Packaging / Maccheroni al formaggio nel menù degli astronauti diretti verso Marte grazie al nuovo imballo che triplica la shelf-life degli alimenti

Maccheroni al formaggio nel menù degli astronauti diretti verso Marte grazie al nuovo imballo che triplica la shelf-life degli alimenti

Mac and cheese, american style macaroni pasta with cheesy sauceGli astronauti che arriveranno su Marte, così come i soldati impegnati in lunghe missioni, potranno gustare un piatto di mac and cheese preparato tre anni prima e conservato a temperatura ambiente. Il “miracolo” è possibile da grazie a un particolare tipo di sterilizzazione e a un innovativo imballaggio inventato dai ricercatori della Washington University. Ne dà notizia Food and Bioprocess Technology, che illustra le caratteristiche del processo e, soprattutto, di un materiale composito che potrebbe cambiare la shelf-life, cioè la durata dei prodotti confezionati, anche sulla Terra ben prima dell’arrivo degli astronauti sul pianeta rosso.

Il limite principale alla conservazione del cibo è la presenza di aria, vapore e acqua, che permettono ai batteri  presenti di riprodursi a spese del cibo. I materiali utilizzati per il confezionamento oggi (a parte le lattine di metallo) consentono di rallentare questi processi per alcuni mesi, in genere non più di 12, ma non riescono ad andare oltre, se non intervengono le basse temperature.

mac and cheese
Alcuni ricercatori hanno creato un packaging che triplica la shelf-life del mac and cheese

Per mettere a punto il nuovo sistema di conservazione i ricercatori hanno prima sterilizzato i ‘macaroni’ al formaggio (tipica variante americana della pasta)  con un procedimento basato sulle microonde, chiamato appunto microwave-assisted thermal sterilization (MATS). Dopo avere abbattuto drasticamente la carica batterica, hanno inventato un nuovo tipo di pellicola spessa pochi millesimi di millimetro e ricoperta di uno strato di ossidi di alcuni metalli per ritardare ulteriormente i processi di degradazione. Gli alimenti così confezionati sono stati messi in un incubatore a 37°C per sei mesi, simulando in questo modo le condizioni di viaggio dei tre anni necessari per andare  Marte. Dopo 180 giorni i ricercatori hanno assaggiato e scoperto che i maccheroni al formaggio erano del tutto simili, se non identici, dal punto di vista organolettico e batteriologico, a quando li avevano confezionati.

Il viaggio per Marte dovrebbe durare nove mesi (che diventano quindi 18 con il ritorno), ma la Nasa ha fissato l’obbiettivo di cinque anni per la conservazione degli alimenti, perché considera anche una permanenza di oltre un anno (500 giorni) in orbita marziana o sul pianeta, tenendo conto del margine di sicurezza. Per il momento è necessario migliorare ulteriormente le condizioni di conservazione, ma i cinque anni non sembrano lontani, e sono già in programma test sulla Stazione spaziale internazionale con altre ricette. 

Nel frattempo l’esercito americano potrebbero migliorare i pasti pronti in dotazione ai soldati (chiamati meals ready to eat e distribuiti durante le missioni all’estero) inserendo qualche porzione di macaroni al formaggio. E contribuire a ridurre lo spreco di cibo sulla Terra, allungando la scadenza degli alimenti pronti, oltretutto senza necessità di congelare e quindi di consumare molta energia elettrica.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

mcdonald's mcflurry bicchierino salse

McDonald’s prova in Germania nuove soluzioni green: zero plastica, posate in legno e bicchieri riutilizzabili

McDonald’s si attrezza per essere più sostenibile, in previsione del bando ai materiali monouso che …

3 Commenti

  1. Avatar

    Molto interessante questo articolo! Trovo sia fantastico come si stiano facendo così tanti bei passi avanti anche su questo fronte della shelf-life. Tuttavia temo sia stato omesso un dettaglio non poco irrilevante (dati anche gli ultimi decenni in corso). Come si smaltisce o ricicla un nuovo tipo di pellicola spessa pochi millesimi di millimetro e ricoperta di uno strato di ossidi di alcuni metalli?
    Forse, per chi è più esperto in materia di me, la domanda potrebbe apparire retorica, ma sono certo che saprete anche stavolta far luce su questo dubbio.
    Vi ringrazio già fin d’ora e vi auguro un buon lavoro

    • Avatar
      Alberto Colombo

      un noto produttore di imballaggi ha messo sul mercato già da anni una struttura PLA//SiOx//PLA
      il PolyLacticAcid si biodegrada, il trattamento superficiale (ossidi di silicio a stechiometria non definita) si trasforma in ossido di silicio, cioè sabbia

      il vantaggio dell’SiOx, rispetto alla metallizzazione (Al), che è il metodo più semplice per conferire caratteristiche barriera ad un film plastico (anche alla carta!), è di essere trasparente

      lo svantaggio dei trattamenti superficiali (AL, SiOx, AlOx, …..) è di essere estremamente fragili, cioè basta l’handling per rovinare la superficie (microfori)

    • Avatar

      La ringrazio per questa informazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *