Home / Sicurezza Alimentare / In Lituania scatta il divieto di vendita degli energy drink ai minorenni, perché possono causare dipendenza e iperattività

In Lituania scatta il divieto di vendita degli energy drink ai minorenni, perché possono causare dipendenza e iperattività

Lituania energy drink
Il divieto riguarda le bevande che contengono più di 150 mg di caffeina per litro, perché possono causare dipendenza e iperattività

Dall’inizio di novembre, in Lituania è vietato vendere energy drink ai minori di 18 anni. Chi viola la legge, votata dal parlamento lo scorso maggio con 88 voti a favore e sei astenuti, rischia una multa fino a 400 lite (116 euro). La multa è dimezzata per chi acquista gli energy drink per un minore. Il divieto riguarda le bevande non alcoliche che contengono più di 150 mg di caffeina per litro, perché possono causare dipendenza e iperattività.

Secondo quanto riferito dal governo del paese baltico, una recente rilevazione indica che il 10% dei ragazzi lituani in età scolastica consuma energy drink almeno una volta la settimana. La principale catena di supermercati, Maxima, ha deciso di mettere sugli scaffali gli energy drink in una posizione meno visibile e di esporre avvisi sulla nuova normativa.

 

Student doing her homework
Il 10% dei ragazzi lituani in età scolastica consuma energy drink almeno una volta la settimana

La Lituania è il primo paese europeo a imporre un divieto alla vendita degli energy drink. La scorsa primavera, l’Arabia Saudita aveva disposto il divieto assoluto di pubblicità e di promozione degli energy drink, vietandone la vendita in tutti i ristoranti e nelle mense di organizzazioni governative, di strutture scolastiche e sanitarie, di club sportivi pubblici e privati.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

bere acqua

Pfas: acqua, latte e uova sono le principali fonti di esposizione alimentare. Il rapporto dell’Istituto superiore di sanità

È l’acqua la principale fonte di esposizione ai famigerati Pfas, seguita dagli alimenti prodotti a …