Home / Sicurezza Alimentare / Verdure surgelate e Listeria: Efsa valuta il rischio dopo l’epidemia europea. Le raccomandazioni per produttori e consumatori

Verdure surgelate e Listeria: Efsa valuta il rischio dopo l’epidemia europea. Le raccomandazioni per produttori e consumatori

Frozen Mixed VegetablesSpesso le verdure surgelate vengono sbollentate prima del processo di surgelazione, per bloccare le attività enzimatiche che possono provocare una perdita di sapore, colore e consistenza. Ma il trattamento non è sempre efficace nel ridurre il rischio di contaminazione da Listeria monocytogenes. Dopo l’ultima crisi, che ha causato dieci morti tra il 2015 e il 2018 (su 53 infettati) e di cui si è occupato anche Il Fatto Alimentare, Efsa ha pubblicato un rapporto che quantifica il rischio. Il documento valuta le procedure più comunemente utilizzate dai produttori e fornisce consigli per chi utilizza le verdure surgelate in casa.

Per quanto riguarda i produttori, viene data grande importanza alla pulizia e alla disinfezione degli ambienti di lavoro, il controllo dell’acqua, della durata e della temperatura di lavorazione e la corretta etichettatura: attenzioni indispensabili, visto che la Listeria può resistere sugli oggetti anche alle basse temperature e contaminare gli alimenti attraverso di essi.

In ambiente domestico, è fondamentale osservare le corrette procedure di conservazione, cioè tenere le verdure alla giusta temperatura in ambiente sempre pulito, rispettando quanto consigliato in etichetta e soprattutto cuocendo bene dopo lo scongelamento.

Secondo l’ultimo rapporto congiunto di Efsa ed Ecdc, l’incidenza di listeriosi è in aumento in Europa, anche se di poco. Nel 2018 ci sono stati  2.549 casi contro i 2.480 del 2017, ma la tendenza degli ultimi dieci anni è in crescita. Anche per questo, e soprattutto in un momento in cui si sta a casa, si cucina di più , si fa la spesa meno spesso e si ricorre di più agli alimenti surgegelati, è importante limitare al massimo i rischi. La listeriosi – ricorda ancora l’Efsa – dà sintomi che vanno da nausea, diarrea e vomito (simili a quelli dell’influenza) fino alla meningite e alla morte, e colpisce soprattutto gli anziani, le donne in gravidanza, i soggetti immunodepressi e i neonati.

© Riproduzione riservata

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

alimenti cibo dieta verdure pollo pesce salute

Aumentano le notifiche al sistema di allerta Rasff. Nel rapporto 2019 boom di segnalazioni per la Salmonella nel pollo dalla Polonia

Nel 2019 sono tornate a crescere le notifiche trasmesse attraverso il Sistema di allerta rapido …

4 Commenti

  1. Avatar

    Scusate,
    ma le verdure surgelate in genere si consumano cotte, e non si elimina così l pericolo di ogni possibile contaminazione batterica/virale?
    Eleonora

    • Avatar

      Ormai da anni consumo tutti gli alimenti cotti, esclusi (ovviamente 🙂 ) agrumi, banane, fragole…

  2. Avatar

    Se si vuole dare un’informazione completa deve dire anche a quale temperatura e per quanto tempo di cottura si elimina il rischio. Altrimenti non si capisce come cautelarsi.

    • Valeria Nardi

      Salla Fondazione Veronesi: “Fondamentale è anche procedere correttamente alla cottura, tenendo in considerazione le variabili tempo e temperatura. Quest’ultima, per essere ottimale, va mantenuta al cuore dell’alimento per un minuto e varia a seconda del prodotto: 63 gradi per i tagli di carne bovina, 65 per il pesce, 71 per la carne bovina macinata, 77 per i tagli di pollo o tacchino, 82 per il pollame intero. Gli alimenti preparati in anticipo rispetto al momento del consumo devono essere mantenuti a una temperatura superiore ai 60 gradi. L’unico strumento per accertare il raggiungimento della temperatura ottimale è il termometro da cucina. Questo strumento è particolarmente consigliato agli operatori alimentari nella ristorazione collettiva, nelle mense scolastiche e ospedaliere.”