;
Home / Coronavirus / Coronavirus, i lavoratori del settore alimentare sono i più a rischio. Più colpite le minoranze etniche

Coronavirus, i lavoratori del settore alimentare sono i più a rischio. Più colpite le minoranze etniche

I lavoratori di tutta la filiera alimentare, anche se hanno mantenuto il lavoro più spesso rispetto ad altre categorie, hanno corso rischi maggiori per la propria salute e, almeno quelli della California, hanno pagato un tributo in vite umane molto alto. Lo dimostra uno studio pubblicato sul sito di preprint MedRXiv, e quindi ancora in attesa di revisione, nel quale sono state analizzate, dai ricercatori del Centro di salute pubblica dell’Università di San Francisco, le cause di morte della popolazione di età compresa tra i 18 e i 65 anni in base all’impiego. È emerso appunto un rischio significativo per tutti coloro che non hanno mai smesso di lavorare ma, così facendo, sono stati spesso esposti al contagio, e sono deceduti in misura maggiore rispetto ai valori medi degli anni precedenti. 

L’aumento di mortalità associato alla prima ondata, in California, è stato infatti superiore del 22% rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti. Analizzando le categorie, i ricercatori hanno poi visto che gli aumenti, in alcuni casi, sono stati anche maggiori: per coloro che lavorano direttamente nel food e nell’agricoltura l’incremento medio è stato del 39%, per gli addetti alla logistica e ai trasporti del 28%, per gli operatori che si occupano di pulizie e manutenzione del 27%, per gli operai del 23%. 

Meat deboning shop. Butcher. Butchers are cutting pork. Line of production of sausage delicacies macelli macello macellazione carne
I lavoratori del settore alimentare in California hanno registrato il tasso di morti in eccesso più alto durante la pandemia

Dal punto di vista del gruppo etnico, a rimetterci di più sono stati gli ispanici, che hanno subito un aumento di decessi del 36% e anche in questo caso la situazione peggiore è stata quella degli addetti alla catena alimentare, che sono morti il 59% in più rispetto agli anni precedenti. Per gli afroamericani, invece, l’eccesso generale è stato del 28% e quello principale ha riguardato i commessi, con un 36%. Per gli asiatici l’aumento è stato del 18% e il gruppo più a rischio è risultato essere quello dei lavoratori dell’ambito sanitario, con un +40%. 

Anche da questa classificazione si vede quanto il Covid-19, per certi aspetti, abbia acuito le differenze sociali e abbia avuto effetto sulle classi già più penalizzate: i bianchi hanno avuto solo un 6% di eccesso di mortalità, e il settore più colpito, quello alimentare, ha fatto registrare un +16%.

Per questo gli autori ritengono che sia indispensabile dotare tutti coloro che lavorano di strumenti adeguati (e gratuiti) di protezione, e tenere ben presenti questi dati quando si stilano i piani vaccinali, dando precedenza a questi lavoratori rispetto ad altre categorie.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

green pass su smartphone tavolo caffetteria vassoio tè

Green Pass per mangiare al ristorante dal 6 agosto, ma solo al chiuso. Niente certificazioni per servizi all’aperto e al bancone

Dal sei agosto, il Green Pass non servirà solo per viaggiare all’estero, ma anche per mangiare …