Home / Coronavirus / Coronavirus e pulizia delle strade: candeggina a Milano, acqua e sapone in Emilia. Misure utili?

Coronavirus e pulizia delle strade: candeggina a Milano, acqua e sapone in Emilia. Misure utili?

Tutti hanno visto in televisione le immagini dei camion della nettezza urbana alle prese con il lavaggio delle strade mentre va in onda l’ultimo servizio sull’epidemia da coronavirus. Molti pensano a un’operazione di pulizia straordinaria in grado di eliminare virus, batteri e quant’altro. Ma è proprio così?

A Milano per esempio il lavaggio delle strade viene fatto periodicamente con acqua, ma in queste settimane si è deciso di usare un liquido igienizzante. “Per il lavaggio delle vie normalmente viene utilizzata l’acqua – precisa l’Amsa – ma in questo periodo impieghiamo una soluzione contenente ipoclorito di sodio (candeggina). Si tratta di un’iniziativa specifica partita il 13 marzo che andrà avanti almeno fino al 3 aprile. Il trattamento verrà fatto in tutte le strade per un totale di oltre 3.000 km“.

coronavirus pulizia delle strade
L’ipoclorito di sodio è sostanza inquinante che può nel tempo contaminare le acque di falda

Il lavaggio è un’operazione che facciamo regolarmente – spiegano all’Iren, la società che gestisce la raccolta de rifiuti e la pulizia di diverse città in Emilia. In questo periodo si presta maggiore attenzione perché in una situazione come quella attuale, l’ambiente deve essere più pulito. Come quando in casa c’è una persona malata si tende a mantenere un maggiore livello di pulizia, così in una situazione epidemica bisogna avere più cura delle strade. Lavare le vie con una soluzione di acqua e sapone non è però un modo per eliminare il virus. Serve a ridurre ulteriormente le sacche di sporcizia, a mantenere e dare meno possibilità ai microrganismi di riprodursi.

D’altro canto nessuna circolare del ministero della Salute o dell’Istituto superiore di sanità indica il lavaggio delle strade come misura di prevenzione contro l’epidemia. Si tratta di una buona norma di igiene urbana. Per essere precisi va detto che le notizie allarmistiche che circolavano qualche giorno fa sulla diffusione del virus attraverso le scarpe sono state ridimensionate dalle autorità sanitarie.”

Lavare le strade riduce le sacche di sporcizia dà meno possibilità ai microrganismi di riprodursi.

A Torino – dove opera sempre Iren – è stato potenziato il servizio ordinario di lavaggio strade con un numero maggiore di passaggi e l’operazione è stata estesa alle aree porticate e parte degli arredi urbani. Il lavaggio nel rispetto di quanto comunicato dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) viene svolto esclusivamente con getti d’acqua ad alta pressione.

Sul tema interviene anche Arpa* Piemonte che in una nota del 15 marzo dice: “Non vi è evidenza che spruzzare ipoclorito di sodio all’aperto, massivamente, sui manti stradali, possa avere efficacia per il contrasto alla diffusione del coronavirus dal momento che le pavimentazioni esterne non consentono interazione con le vie di trasmissione umana. Si ritiene invece che iniziative mirate, rivolte a superfici in ambiente interno o esterno destinate a venire a contatto con le mani, possano conseguire risultati migliori in ottica di prevenzione di diffusione del contagio. È comunque da sottolineare che l’ipoclorito di sodio, componente principale della candeggina, è sostanza inquinante che potrà nel tempo contaminare le acque di falda, direttamente o attraverso i suoi prodotti di degradazione. Si invitano pertanto i Sindaci a tenere conto di queste indicazioni, concentrando gli sforzi nella direzione di maggior efficacia degli interventi di lotta al COVID-19”

* Agenzia regionale per la protezione ambientale

ALTRI ARTICOLI DI APPROFONDIMENTO DEL CORONAVIRUS, SUDDIVISI PER ARGOMENTO

SUPERMERCATI/SPESA:

Coronavirus: Esselunga aperta nel week-end ma non vende, cancelleria, casalinghi, intimo, giocatoli, giardinaggio. Coop e altri supermercati chiusi di domenica del 20 marzo 2020

Coronavirus: Esselunga, Carrefour, Eurospin vietano l’acquisto di penne e quaderni. È polemica. Federdistribuzione non è d’accordo del 17 marzo 2020

La spesa ai tempi del coronavirus: supermercati chiusi la domenica, orari ridotti e vendita solo di beni di prima necessità del 18 marzo 2020

– Coronavirus: nei supermercati Coop barriere di plastica e guanti per fare la spesa in sicurezza del 13 marzo 2020

ALIMENTARI/DIETA:

Pane, salumi e coronavirus: come comportarsi con questi alimenti? Le precauzioni spiegate da Antonello Paparella del 12 marzo 2020

Coronavirus, non ci sono prove di trasmissione alimentare. Lo dicono Efsa, Ecdc e BfR  del 12 marzo 2020

NUMERI/STATISTICHE:

Coronavirus, seri sospetti sui pangolini responsabili della trasmissione all’uomo. Stretta in Cina sul commercio di animali vivi del 24 febbraio 2020

Coronavirus, i casi aumenteranno. Oltre 200 morti e quasi 10.000 persone infettate. Il parere di Giuseppe Novelli genetista di Tor Vergata del 31 gennaio 2020

Coronavirus: primi due casi in Italia. L’Oms dichiara lo stato di emergenza sanitaria globale del 31 gennaio 2020

– Cina il coronavirus avanza: le domande e le risposte degli esperti. Le probabilità di arrivo in Italia. Nessun problema per i ristoranti cinesi del 27 gennaio 2020

IGIENE/PREVENZIONE:

Coronavirus: gravidanza, allattamento e parto cosa fare? Le regole dell’Istituto superiore di sanità per la mamma e il bambino, del 1 marzo 2020

Coronavirus: incubazione, contagio e sintomi, l’Istituto Mario Negri risponde ai cittadini del 29 febbraio 2020

Coronavirus: le regole da seguire su mascherine, igiene, tosse e raffreddore dell’Istituto superiore di sanità del 26 febbraio 2020

Coronavirus: le parole da conoscere come “contatto stretto” o “asintomatico” le spiega il glossario dell’Iss del 25 febbraio 2020

Coronavirus: domande e risposte sulla trasmissione in Italia e su cosa devono fare i donatori e le persone in gravidanza del 24 febbraio 2020

Coronavirus: igiene, prevenzione, cibo e animali, cosa fare? Le domande e le risposte del ministero del 23 febbraio 2020

Coronavirus: sintomi e modalità di trasmissione, le domande e le risposte del ministero della Salute del 23 febbraio 2020

Coronavirus: come distinguerlo dalla normale influenza? L’Iss risponde ai dubbi più comuni del 6 febbraio 2020

VARIE /COSTUME:

Panzironi: integratori contro il coronavirus. L’Agcom apre un nuovo procedimento e bacchetta La7 per le ospitate del 20 marzo 2020

La vitamina C non protegge dal coronavirus. Un’altra bufala social smontata da “Dottore, ma è vero che…?” del 20 marzo 2020

Coronavirus, a Roma è proibita la pizza margherita e farcita. Sconcerto tra i panificatori per la circolare della Polizia locale del 19 marzo 2020

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

A woman in a medical mask takes the last bag of cereals in the store, empty supermarket shelves.

Supermercati e coronavirus: quasi spariti gli sconti, non si vendono (per ora) fiori e cancelleria e le file aumentano

Fare la spesa al supermercato ai tempi del coronavirus è complicato, se poi non si …

3 Commenti

  1. Avatar

    Il lavaggio delle strade (senza inutili disinfettanti) è una buona pratica di igiene pubblica che andrebbe fatta regolarmente, e in questo periodo di falsi allarmi e incertezze causate da fonti inaffidabili ma molto seguite, che a volte assumono i toni della caccia all’untore, ha anche un valore psicologico, di far vedere che “ci si sta dando da fare”.

    A Torino grazie al covid19 hanno finalmente ricominciato a lavare le strade, mentre sarebbe stato utilissimo farlo regolarmente come si faceva anni addietro in tutta la città (e tutti abbiamo preso almeno una multa per aver dimenticato l’auto parcheggiata nella zona oggetto di lavaggio notturno).

    Si eliminano infatto non solo la sporcizia ricettacolo di batteri, ma soprattutto buona parte delle polveri (più o meno sottili) che in mesi senza forti piogge al minimo soffio di vento provocano tosse e irritazione alle vie respiratorie.

    C’è solo da sperare che passata la pandemia non si ritorni al precedente menefreghismo, con siepi non potate, erbacce non tagliate, foglie secche non spazzate, tombini otturati, rifiuti non raccolti, strade non lavate e un generale degrado cittadino.

    Mauro

    • Avatar

      Grazie Mauro per il tuo intervento.

      Da animalista quale sono (non fanatico però) spero anche che si possa fare qualcosa per la piaga dei piccioni/storni, ecc. davvero ricettacolo di batteri, ecc. e da trattarsi nella stessa maniera dei ratti.

  2. Avatar

    Lavare le strade è un’ottima cosa per l’igiene in generale. Tuttavia non so se inondare le strade con grandi quantità soluzioni battericide che, in una situazione di scarsa piovosità e di ridotto afflusso di acque bianche da parte delle attività produttive sospese, vengono in breve convogliate nella rete fognaria e quindi poco diluite ai depuratori, a fronte della dubbia significatività di queste operazioni relativamente al contenimento del contagio, valga la pena rischiare di mandare in tilt il sistema biologico di depurazione su cui si basa il funzionamento di molti impianti di cui sono dotati i comuni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *