Home / Tecnologia e Test / Lasagne pronte, poca carne e spesso meno del dichiarato. Il test della trasmissione svizzera À Bon Entendeur

Lasagne pronte, poca carne e spesso meno del dichiarato. Il test della trasmissione svizzera À Bon Entendeur

Lasagna with BeefLa trasmissione À Bon Entendeur della rete televisiva svizzera RTS ha effettuato un test su dieci marche di lasagne pronte da cuocere, per verificare se la carne indicata in etichetta corrisponde a quella che si trova nel piatto. Il  dato generale è che la quantità di carne varia dal 7 a 13%, ad eccezione delle lasagne Thiriet, dove si raggiunge il 25% (questa particolarità è riportata sulla confezione, dove compare la dicitura “ricche di carne”). Dopo questa premessa di ordine generale, si è notato che in sette casi su dieci il quantitativo è inferiore rispetto al dichiarato, mentre i valori di Findus, Thiriet e Betty Bossi sono corretti, anzi superiori.

Per altre tre marche la carne  risulta la metà o anche meno di quella dichiarata, mentre in quattro casi la differenza oscilla dal 20 al 30% rispetto a quanto indicato in etichetta. L’altro elemento che emerge è l’assenza di correlazione tra il prezzo di vendita e la quantità di carne, visto che le due marche vendute a meno (4 €/kg) hanno una percentuale variabile dall’8 all’11,6%, mentre quella più cara venduta a circa   12 €/kg ne ha il 9,7%.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

I consumatori tedeschi bocciano l’olio extravergine di oliva venduto nei supermercati. Due campioni si salvano

I consumatori tedeschi bocciano gli oli extravergini di oliva venduti nei supermercati perché, secondo le …