Home / Nutrizione / Italia in testa nel consumo europeo di integratori alimentari di origine botanica. Ultima posizione per la Finlandia, dove solo il 9,6% delle persone consumano queste sostanze. Gingko, enotera e carciofo sono i più diffusi

Italia in testa nel consumo europeo di integratori alimentari di origine botanica. Ultima posizione per la Finlandia, dove solo il 9,6% delle persone consumano queste sostanze. Gingko, enotera e carciofo sono i più diffusi

integratori 463114939
L’Italia è in prima fila tra i consumatori di integratori botanici

Il 18,8% degli europei utilizza almeno un integratore alimentare a base di ingredienti botanici. La stima viene da uno studio, che ha coinvolto 2.359 partecipanti ed è stato pubblicato dalla rivista PLOS ONE, che ha indagato l’utilizzo di questi integratori in sei paesi europei: Finlandia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Romania e Spagna.

 

La percentuale di persone che utilizzano integratori botanici va dal 9,6 % in Finlandia al 22,7 % in Italia. I prodotti utilizzati sono molto vari e ammontano a 1.288, con punte di 289 nel nostro paese e di 284 in Spagna, mentre in Gran Bretagna la varietà di integratori botanici è circa la metà della media generale. Il Regno Unito si distingue anche per avere il più basso utilizzo di integratori multi-botanici e quello più alto di prodotti che utilizzano un solo ingrediente di natrua vegetale: 84,5%, contro il 20,5% della Finlandia, che si situa all’estremo opposto. In ordine decrescente, le piante più utilizzate sono: ginkgo, enotera, carciofo, ginseng, aloe vera, finocchio, valeriana, soia, melissa, echinacea e mirtillo.

 

integratori 178564399
Lo studio ha messo in luce l’utilizzo di integratori a base di ingredienti botanici per comprenderne meglio effetti e benefici. Non sono stati considerati i succhi di frutta

Lo studio, realizzato per  fornire alle autorità una base di dati per valutare rischi e benefici sull’utilizzo di questi prodotti, ha preso in esame solo gli integratori botanici assunti in dosi misurabili (pillole, polvere in bustine, gocce), escludendo succhi di frutta e alimenti simili, che si possono intendere come un modo per assumere prodotti a base di erbe.

 

 Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: Thinkstockphotos.it

 

 

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

ragazza mangia piatto pollo fritto

L’obesità dipende dalla qualità del cibo piuttosto che dalla quantità di attività fisica

Ciò che fa prendere peso ai ragazzi non è tanto la quantità di attività fisica …